Sarkozy incontrerà il Dalai Lama, le Cina annulla il summit con l’UE

Pechino, Cina – La Cina ha rinviato l’annuale summit con l’Unione europea fissato per il 1° dicembre a Lione, dove era atteso il premier Wen Jiabao. La decisione è stata presa dopo l’annuncio che Nicolas Sarkozy, presidente francese e di turno dell’Ue, incontrerà il Dalai Lama il 6 dicembre in Polonia.

Qin Gang, portavoce del ministero cinese degli Estesi, 2 giorni fa ha ribadito “l’opposizione a contatti tra leader politici esteri e il Dalai Lama”.

Ieri l’Ue, in un comunicato ufficiale, ha detto che “ne prende nota e si rammarica per questa decisione della Cina” di rinviare l’11mo summit tra le 2 parti, per il quale aveva “grandi progetti”. Aggiunge che intende continuare “a promuovere una collaborazione strategica” con la Cina, specie nei settori economico e finanziario. Nel 2008 Sarkozy per non offendere Pechino ha già evitato un programmato incontro con il Dalai Lama, mandandoci sua moglie Carla Bruni e il ministro degli Esteri Bernard Kouchner (nella foto).

Geshe Gedun Tharchin, lama tibetano residente a Roma, commenta ad AsiaNews che “Pechino vuole impedire qualsiasi incontro del Dalai Lama con leader esteri, qualsiasi suo riconoscimento ufficiale. Insiste a definirlo un pericoloso criminale” che fomenta il terrorismo in Tibet e ne vuole la secessione. Mentre la comunità mondiale lo ritiene un leader spirituale che lotta per preservare la cultura e la religione del Tibet.

A maggio la Cina, molto criticata per la repressione in Tibet e timorosa per le proposte di boicottare le Olimpiadi di agosto a Pechino, ha accettato di tenere colloqui con rappresentanti del Dalai Lama. Ma Lama Gedun ricorda che “pochi giorni fa c’è stato l’8° round di questi incontri e i tibetani hanno presentato varie proposte per una maggior autonomia. La Cina le ha tutte definite contro la legge cinese e inaccettabili, ha rifiutato qualsiasi proposta di una maggior autonomia. Forse questi colloqui sono finiti lì”.

Intanto a Pechino due giorni fa la polizia ha impedito a membri del parlamento europeo di visitare a casa Zeng Jinyan, moglie del noto attivista per i diritti Hu Jia in carcere per una condanna a 3 anni e mezzo per istigazione alla sovversione. Ad ottobre il Parlamento europeo ha insignito Hu del prestigioso premio Sakharov, assegnato a chi difende i diritti umani, suscitando le proteste di Pechino.

(Fonte: AsiaNews)

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.