Repressione cinese: 500 tibetani in protesta

Dharamshala, India– Oggi a Dharamshala più di 500 profughi tibetani in esilio hanno manifestato la loro solidarietà alla popolazione del Tibet, vittima della repressione voluta dal governo cinese. I dimostranti hanno urlato slogan contro “l’uccisione dei tibetani” e hanno ribadito l’intenzione di “non festeggiare il Losar” (il capodanno tibetano).

Alla vigilia del capodanno tibetano – 25 febbraio – e a pochi giorni dalla commemorazione del 50mo anniversario dalla rivolta anticinese – 10 marzo – Pechino ha aumentato i controlli nella regione. Nelle scorse settimane la polizia ha represso con la forza alcune dimostrazioni, arrestando almeno 24 tibetani. Il governo impedisce l’ingresso agli stranieri e ai giornalisti e promette di “stroncare” qualsiasi manifestazione di solidarietà al Dalai Lama.

Tenzin Choeying, direttore del movimento Students for a free Tibet (SfT), riferisce che i dimostranti riuniti a Dharamshala indossano “vestiti neri in segno di lutto” e brandiscono cartelli con la scritta “Fermate l’assassinio dei tibetani” e “No Losar”. Essi manifestano un sentimento diffuso di “cordoglio per i nostri fratelli e sorelle che sono stati uccisi in Tibet”. Il leader dei giovani studenti tibetani denuncia “l’invasione di migliaia di truppe dell’esercito cinese” per presidiare i villaggi: “Una intimidazione verso la popolazione del Tibet, perché non dia vita a proteste o ad altri atti di resistenza”.

Al coro di proteste contro la repressione imposta da Pechino si uniscono le denunce di un movimento femminile tibetano. B Tsering, presidente della Tibetan Women Association rivela che la “condizione delle donne è ancora peggiore di quella degli uomini”. Esse subiscono una “doppia discriminazione, di razza e sesso”. Le donne “che lavorano in centri governativi o nelle città devono sottostare alla politica del figlio unico” e quante rimangono incinte una seconda volta “sono costrette ad abortire”. “Questa è la politica avviata dal governo cinese – accusa l’attivista – per controllare la minoranza tibetana”.

fonte: AsiaNews, 25 febbraio 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.