Real-estate cinese: «La bolla sta cominciando ad esplodere»

Il mercato immobiliare cinese sta cominciando a collassare. E ciò avrà immediate e pesanti ripercussioni sul sistema bancario del Paese. A confermare ciò che da tempo numerosi analisti indicavano è stato questa mattina Kenneth Rogoff, docente presso l’università di Harvard ed ex capo economista del Fondo monetario internazionale.La crescita dell’economia della Cina, infatti, «in particolare in ragione della velocità che sta tenendo», ha fatto gonfiare una pericolosa bolla speculativa, ha spiegato il professore in un’intervista rilasciata a Bloomberg Television ad Hong Kong. Un punto di vista negativo che riflette le scelte recenti degli investitori, che la scorsa settimana hanno fatto registrare allo Shanghai Composite Index la peggiore performance in più di un anno: meno 6,7%. E le preoccupazioni dei mercati non possono di certo essere state mitigate dai dati relativi al primo trimestre del 2010, con l’espansione del pil arrivata all‘11,9%: il dato più alto dal 2007.

Quanto alle condizioni del sistema economico globale, Rogoff ha parlato di possibilità concrete di una recrudescenza della crisi, che potrebbe far sprofondare nuovamente numerosi Paesi in recessione. La ripresa è infatti ancora «molto lenta» e i pericoli «elevati». ( Fonte: valori.it)

Fonte: finanzainchiaro.it, 8 luglio 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.