Protesta di ragazzi tibetani della scuola media. La polizia li arresta

Le autorità cinesi intervengono anche contro i ragazzi della scuola media, se osano protestare contro Pechino e per una maggiore libertà in Tibet. Per il 2° anniversario delle proteste anticinesi del 10-14 marzo 2008, scoppiate a Lhasa e represse dall’esercito sparando sulla folla con centinaia di morti, le autorità cinesi hanno disposto severe misure di controllo con grande spiegamento di forze dell’ordine, soprattutto nei pressi dei templi tibetani e luoghi turistici.

L’anniversario ricorda anche il 10 marzo 1959 quando i tibetani insorsero contro la Cina per ottenere l’indipendenza e vennero massacrati dall’esercito cinese.

Ma nella Scuola Media Tibetana a Machu (in cinese: Maqu) nel Gansu, dove i tibetani sono almeno la metà della popolazione, “il 14 marzo, intorno alle ore 11-12 circa, circa 30 studenti hanno protestato per le strade vicino al centro cittadino” in memoria dell’anniversario. “Alla protesta degli studenti –racconta una fonte locale all’agenzia Radio Free Asia- si sono uniti 5-600 tibetani”. “Loro hanno urlato contro la mancanza di libertà e chiesto l’indipendenza del Tibet”.

Dolkar Kyab, originario di Machu e ora rifugiato a Dharamsala (India), conferma che i dimostranti hanno protestato per oltre 30 minuti, inneggiando anche al Dalai Lama, poi è intervenuta la polizia in tenuta antisommossa che ha arrestato almeno 40 persone.

Nei giorni successivi – prosegue la fonte –  “circa 4-500 persone hanno protestato davanti al municipio e chiesto il rilascio dei detenuti”.

Nella zona sono arrivati circa 3mila soldati e poliziotti cinesi, aumentando la tensione.

Nella capitale Lhasa, fonti locali spiegano che le autorità hanno minacciato “di ritirare le licenze, a chi non teneva aperto il negozio il 14 marzo, a Lhasa erano presenti migliaia di forze di sicurezza”. Ma i commercianti hanno chiuso lo stesso negozi, alberghi e ristoranti e osservato il silenzio.

Nella contea di Markham centinaia di tibetani il 10 marzo hanno protestato,  chiedendo il risarcimento per i danni causati ad ambiente e persone per le attività minerarie della zona. Protesta talmente decisa che le autorità hanno rinunciato ad arrestare i leader.

Fonte: AsiaNews, 17 marzo 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.