Categoria: Politica figlio unico

CINA : l’inquietante realtà per ragazze madri

La politica dei due figli è stato un cambiamento spinto dalle preoccupazioni della Cina sul rapido invecchiamento della popolazione, per lo più composta da uomini. E per quanto riguarda le donne non sposate? La legge non è cambiata. In Cina la sola maternità da single è punita con multe significative: una tassa di “manutenzione sociale” per la pianificazione familiare che varia nelle diverse regioni e che può essere da uno a sei volte lo stipendio medio annuale locale. Inoltre, anche se una madre single può ancora partorire in un ospedale, dovrà pagare tutto di tasca sua visto che lo stato non fornisce la cosiddetta “assicurazione riproduttiva” per le donne non sposate.

CINA: costretto alla vasectomia perché padre di tre figli nel primo matrimonio

Anche dopo il cambiamento della legge sul figlio unico, le campagne di sterilizzazione forzata continuano a colpire i cittadini cinesi.

La non libertà di nascere in Cina

In un Paese come l’Italia, con il tasso di natalità più basso dell’intera Unione Europea e al netto delle polemiche suscitate dalla campagna del cosiddetto Fertility day lanciata dal Ministero della Salute, non può non destare interesse la notizia diffusa a inizio anno sul boom di nascite in Cina.

Il racket dei bambini rapiti negli ospedali cinesi

Frank Fang , Epoch Times | 26/01/2017

Da anni, in Cina i genitori vivono nell’angoscia che i propri figli possano essere rapiti e venduti nell’ambito del traffico illecito di bambini. Il problema, oltre a essere di notevole entità e diffuso, è anche difficile da risolvere, con decine di migliaia di bambini spariti ogni anno.

Trump, proibiti i finanziamenti federali alle Ong internazionali pro aborto

Proibiti i finanziamenti federali alle Ong pro aborto. La gioia dell’attivista Reggie Littlejohn per la storica decisione del Presidente. Le accuse alla International Planned Parenthood e alle sue politiche maltusiane. L’applauso del Card. Dolan.

Politica figlio unico: la LRF Italia esprime il suo dissenso sull’articolo pubblicato da “l’Avvenire” domenica 8 gennaio 2017

L’articolo è apparso sul quotidiano on line “l’Avvenire” di domenica 8 gennaio 2017 e tratta le problematiche relative alla politica del figlio unico. Francesca Romana Poleggi, del consiglio direttivo della Laogai Research Foundation Italia ONLUS, esperta di legge repressiva sulla pianificazione familiare,  sterilizzazioni e aborti forzati in Cina, invia al quotidiano cattolico qualche nota di disappunto.
Ha curato l’edizione italiana del dossier di Harry Wu, Strage di Innocenti, la politica del figlio unico in Cina, edito da Guerini.

CINA-La legge sul secondo figlio non migliora la demografia e l’economia cinese

Jing Zhang, la direttrice del gruppo per i diritti delle donne in Cina,è stata invitata a tenere un discorso ad una conferenza dal titolo “Prospettive per la Democratizzazione in Cina” organizzata dal The China Democracy Forum, l’Università di New York (Nyu) e la rivista Beijing Spring. Il tema della conferenza era “Lo scontro fra giustizia e ingiustizia, la responsabilità e la scelta della società internazionale” (vedi foto 1)