Categoria: Cristiani

La vittoria dell’Associazione Patriottica: il vescovo illecito Zhan Silu concelebra con mons. Ma Daqin di Shanghai

Bernardo Cervellera
Zhan Silu è stato ordinato nel 2000. Ma Daqin, ancora agli arresti domiciliari, ma ha potuto “visitare la diocesi di Mindong”, dove è scomparso nelle mani della polizia il vescovo ordinario, mons. Guo Xijin. Nella cerimonia, Ma Daqin è stato chiamato “vescovo” e non più “padre” come in precedenza. L’Associazione patriottica padrona incontrastata della Chiesa in Cina. “Una presa in giro per il Vaticano”. L’Ap tenta di distruggere i dialoghi fra S. Sede e governo.

Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

Bernardo Cervellera
La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.

Cina. Musulmani o cristiani poco importa, chi non si sottomette al partito viene punito

Un ufficiale del partito comunista in Cina è stato punito nello Xinjiang per aver rispettato un gruppo di anziani musulmani. Jelil Matniyaz, capo del partito di un villaggio della prefettura di Hotan, si è trattenuto dal fumare davanti a un gruppo di religiosi uiguri sapendo che questi considerano il fumo “haram”, proibito.

Cina: scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.

CINA – Zhejiang, telecamere “anti terrorismo” nelle chiese di Wenzhou. Manifestanti cristiani si scontrano con le forze di polizia.

Le autorità hanno ordinato alle chiese di installare telecamere ai cancelli, sui podi, presso le cassette per le offerte e in altri luoghi. L’ordine dato dopo tre anni dalla campagna per la demolizione di croci e chiese. Cresce il controllo sulle attività religiose nel Paese.

CINA – Pastore protestante detenuto in gravi condizioni. L’appello della moglie

Era stato arrestato nel 2015, trattenuto senza processo per un anno e poi condannato a due anni e mezzo di prigione. I medici del centro detentivo avevano sottovalutato il problema, permettendo l’aggravamento della porpora anafilattoide.

CINA – Liaoning, sacerdote detenuto da mesi senza condanna. Imbarazzo per le autorità

Il tribunale del popolo non rende pubblica la sentenza per p. Fei Jisheng, sacerdote della diocesi di Shenyang. I cattolici locali: “I giudici riconoscono la sua innocenza, ma il tribunale lo vuole condannato”. L’arresto è avvenuto il 18 ottobre scorso con l’accusa di appropriazione indebita di una somma di denaro che però apparteneva al sacerdote. Dietro i capi d’imputazione l’intenzione delle autorità di fermare l’opera evangelizzatrice del religioso.