Categoria: Persecuzione religiosa

I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

Pechino (AsiaNews) – Il 19 luglio scorso, in una sala adiacente alla Grande sala del popolo, si sono celebrati i 60 anni dell’Associazione patriottica dei cattolici cinesi (Ap). Voluta da Mao Zedong per controllare e soffocare la vita della Chiesa, l’associazione ha come criterio di instradare i cattolici al servizio del socialismo, costruendo nello stesso tempo una Chiesa che sia “autonoma” e “indipendente” da forze straniere (leggi: la Santa Sede). Nella sua Lettera ai cattolici cinesi, Benedetto XVI ha bollato gli statuti dell’Ap come “incompatibili” con la dottrina cattolica.

CINA: Il partito comunista minaccia “punizioni” ai suoi membri se religiosi

Evidente preoccupazione per la permanenza del fenomeno religioso nell’affermazione: “I membri del Partito dovrebbero essere fermamente ateisti marxisti, rispettare le regole del Partito e aderire alla fede del Partito … non sono autorizzati a cercare valore e credenza nella religione”.

Papa Francesco apre alla Cina

Papa Francesco prepara la svolta nei confronti della Repubblica Popolare Cinese in nome di una nuova distensione. Una riavvicinamento, quello del Vaticano, testimoniato da un eloquente articolo pubblicato di recente su La Civiltà Cattolica di Padre Antonio Spadaro, l’unica rivista ad essere esaminata in fase di bozza dalla Segreteria di Stato della Santa Sede e ad averne l’approvazione definitiva. L’autore dell’editoriale è Padre Joseph You Guo Jiang, membro della comunità gesuita cinese. Non un punto di vista qualunque per il mondo cattolico, ma che ha una certa rilevanza e autorevolezza in ambito teologico.

Il cardinale di Hong Kong in piazza: ho scritto al Papa, non ceda a Pechino

A 85 anni compiuti, si è mescolato nel corteo con il suo zainetto in spalla e un bel sorriso. Era allegro ieri il cardinale emerito Joseph Zen Ze-kiun, perché vedere migliaia di giovani in marcia per la difesa della democrazia di Hong Kong (imperfetta ma caso unico in Cina) gli fa bene allo spirito.

Le relazioni Cina-Santa Sede alla prova del “Caso Wenzhou”

La Sala Stampa vaticana ha reso nota la «preoccupazione» per il vescovo Shao Zhumin, forzatamente allontanato dalla diocesi. Alcuni media hanno diffuso una reazione aspra del ministero degli esteri cinese, di cui però non rimane traccia nelle comunicazioni ufficiali. Sembra ancora presto per parlare di ennesimo blocco dei contatti sino-vaticani.

Gli ultimi 10 anni della Chiesa in Cina: dalla Lettera di Benedetto XVI al silenzio sull’arresto di mons. Shao Zhumin

Il silenzio sulla persecuzione dei cattolici cinesi e dei loro vescovi a Wenzhou e a Shanghai. Gli organismi che Benedetto XVI non accettava (Associazione patriottica e Conferenza episcopale cinese) perché “incompatibili con la dottrina cattolica”, ora gestiscono la Chiesa. I dialoghi fra Cina e Vaticano devono mettere in chiaro e non in segreto la sorte dei vescovi sotterranei. Un bilancio da parte di un cattolico cinese del nordest, mentre in Vaticano si celebra un nuovo raduno dei dialoghi Cina-Santa Sede.

CINA- Cristiani protestanti imprigionati: devono confessare di appartenere a un ‘culto malvagio’

La comunità Fengle a Jiangmen è una chiesa domestica, ma il governo vuole sconfessarla come “culto malvagio”. In un raid sequestrate bibbie e arrestati e interrogati alcuni membri. “Il Partito comunista cinese è il più grande culto malvagio”.