Persecuzione religiosa in Cina: donna muore dopo molestie

La signora Su Cangxin, 55 anni, viveva nel villaggio di Dafeng, municipalità di Wribo, città di Xinji, provincia di Hebei. Ha iniziato a praticare Falun Gong alla fine del 1997, diffondendo la pratica in alcune dozzine di villaggi vicini e stabilendo un luogo per fare gli esercizi e per studiare la Fa a casa sua.(…)
Dopo il 20 luglio 1999 la famiglia di Su, cinque persone, divenne un bersaglio per la persecuzione da parte del Partito Comunista Cinese (PCC). Sia nel luglio 1999 che nel luglio 2000 il marito venne incarcerato per oltre tre settimane nella stazione di polizia; il direttore, Zhao Gentang, lo ha picchiato personalmente con molta violenza.

Verso il 26 maggio 2001 la persecuzione era molto dura e il marito della signora Su venne arrestato dal funzionario Geng Chao dell’ufficio 610 della città di Xinji assieme ad altri. Lo portarono in tribunale e lo picchiarono per cinque giorni. Colpirono le sue gambe con un bastone di legno, usarono un bastone elettrico e un martello di plastica per colpire la sua schiena, poi un altro bastone di legno per premere sulle sue cosce. Infine gli iniettarono una sostanza sconosciuta. Il 30 maggio 2001 venne portato nel centro di detenzione della città di Xinji, dove è rimasto incarcerato per quasi un anno.

Per la fine del 2002 l’ufficio 610 aveva arrestata tre membri della famiglia della signora Su. Erano rimasti solo suo figlio adolescente e il fratello più piccolo, cieco , morto di terrore nel 2003. I poliziotti confiscarono diverse migliaia di yuan (*) in contanti e le motociclette della famiglia.

Durante le Olimpiadi l’ufficio 610 della città di Xinji e la polizia di Weibo tornarono a molestarla. Dopo nove anni di minacce e detenzioni continue la signora Su non è più riuscita a sostenere la situazione ed è diventata sempre più debole. È morta il 4 gennaio 2009.

fonte: DossierTibet, 18 febbraio 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.