Categoria: Persecuzioni

La Cina rifiuta di dare “accesso senza restrizioni” al Tibet

DHARAMSHALA, 19 giugno: l’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Il principe Zeid Ra’ad al-Hussein di Giordania nel suo ultimo discorso fatto alla 38a sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato che nonostante i numerosi sforzi del suo ufficio, la Cina non ha ha concesso “l’accesso senza restrizioni” al suo personale nelle cosiddette regioni cinesi, nella regione autonoma tibetana e nella regione autonoma uigura dello Xinjiang.

I Tibetani costretti a imparare canzoni che lodano il partito comunista cinese

Fonti tibetane affermano che le autorità cinesi in Tibet hanno lanciato una nuova campagna di lealtà nella regione dell’Himalaya precedentemente indipendente, costringendo i tibetani a imparare canzoni che elogiano il Partito comunista cinese al potere per le prossime festività nazionali.

CINA-Xinjiang, arresti di massa contro gli uomini di etnia uigura

Il 40% della popolazione di un villaggio è stata deportata in un campo di rieducazione. Continua la persecuzione del governo cinese nei confronti del popolo uiguro: sarebbero centinaia di migliaia le persone arrestate senza un motivo. Tutti i maschi nati negli anni ’80 e ’90 sono considerati un pericolo e internati.

Pechino chiede ai buddisti tibetani di rendere omaggio anzitutto al Partito e alla Costituzione

12 giugno 2018. Pechino ha chiesto ai buddisti tibetani e ai milioni di cittadini che in territorio cinese praticano una religione di rendere omaggio e venerare in primo luogo il Partito e la Costituzione e solo in seconda battuta le rispettive divinità.

La Cina sta imprigionando quasi 1 milione di persone, per ‘rieducarle’. Perché hanno la barba o parlano coi parenti all’estero

Potenzialmente più di un milione sono state rinchiuse nei “campi di rieducazione” della Cina nell’ultimo anno.
I campi, che operano al di fuori della giurisdizione dei tribunali, sono progettati per indottrinare gli Uiguri, una minoranza etnica, e costringerli a rinnegare le loro credenze religiose.

Kim Jong – un lodato dai media , ma non scordiamoci cos’è la Corea del nord

Kim è il dittatore di una giunta che si fonda su nazionalismo razziale, torture e campi di concentramento.

Il summit di Singapore: USA – Nord Corea (e Cina)

Il 12 giugno scorso a Singapore si è svolto un summit tra il presidente americano Donald Tramp ed il leader nordcoreano Kim Jong-un. L’incontro ha un valore storico e simbolico molto importante ma il risultato finale si può definire come una semplice dichiarazione di intenti che può fare da base a sviluppi negoziali per il futuro.