Pena di morte, il Rapporto 2010 di Nessuno tocchi Caino

Domani a Roma verrà presentato il Rapporto 2010 sulla pena di morte nel mondo di Nessuno tocchi Caino, la lega internazionale di cittadini e di parlamentari per l’abolizione della pena di morte, curato da Elisabetta Zamparutti e pubblicato da Reality Book. Si tratta di un rapporto che viene stilato ogni anno dal 1998 e che fa il punto sulla situazione della pena capitale a livello mondiale.

Come si legge sul quotidiano ecologista Terra, lo scorso anno il triste primato delle condanne a morte è andato ancora una volta alla Cina. A quanto pare le esecuzioni cinesi costituiscono l’87,3 per cento di quelle avvenute in tutto il mondo. Un dato davvero incredibile e sconcertante. Dal 2007, seppur lentamente, la Cina si sta avviando verso una diminuzione delle condanne a morte, ma il triste primato è ancora suo. Seguono l’Iran e l’Iraq.

I Paesi che nel 2007 e nel 2008 hanno fatto uso della pena di morte sono stati 26; il Rapporto 2010 ci svelerà se questo numero è dominuito nel 2009. Domani, insieme alla presentazione del Rapporto, verrà consegnato il premio ‘L’Abolizionista dell’anno’. Sarà Jean Ping, presidente della Commissione dell’Unione Africana, a ricevere il premio che rappresenta il riconoscimento alla personalità che più di ogni altra si è impegnata sul fronte della moratoria delle esecuzioni capitali e dell’abolizione della pena di morte.

Fonte: Excite.it, 30 luglio 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.