Natale si avvicina e la repressione dei cristiani aumenta in Cina

Con l’avvicinarsi del Natale, la autorità intensificano le operazioni contro i cristiani sotterranei, irrompendo nei luoghi di preghiera, colpendoli e minacciandoli.  Il 17 dicembre nel distretto di Pinghu a Yancheng (Jiangsu) circa 200 aggressori sono irrotti nella chiesa durante un incontro dei cristiani sotterranei, li hanno cacciati con la forza percuotendone almeno 10 e derubandoli di denaro e altre proprietà. Poi hanno chiusa la chiesa con un ordine di demolizione.Il pastore Ding della chiesa di Chengnan denuncia che un costruttore locale “vuole la terra dove abbiamo costruito la nostra chiesa” grazie a donazioni dei fedeli per oltre un milione di yuan. Prima il governo aveva offerto loro una somma ma, dopo il rifiuto, sono iniziate le aggressioni contro i fedeli. “Non si preoccupano chi sia il proprietario. Un vicesegretario del governo municipale guidava gli aggressori”. Hanno chiamato la polizia, ma non è intervenuta per riaprire e restituire loro la chiesa. 

Il 16 dicembre nel villaggio Taoling a Pushan (Nanyang nell’Henan) sono stati arrestati oltre 40 cristiani e 16 di loro sono stati condannati a detenzione amministrativa tra 10 e 15 giorni e a multe per “aver partecipato a incontri religiosi illegali”.

Sempre negli ultimi giorni nella contea di Dazhu (Sichuan) la polizia ha interrotto una celebrazione nuziale e arrestato per ore circa 30 persone “con l’accusa – racconta uno di loro a Radio Free Asia – di avere predicato il vangelo in modo illegale”. “Hanno portato via gli striscioni con scritto ‘Dio ama l’umanità’. Ci hanno identificati e intimato di frequentare solo le chiese riconosciute dal governo”.

Fonte : Asia News

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.