Myanmar, il Paese festeggia la vittoria della Nld ma gli studenti restano in carcere

I giovani sono stati arrestati nei mesi scorsi per le proteste contro la riforma dell’Istruzione. In carcere hanno promosso uno sciopero della fame e le loro condizioni di salute si stanno deteriorando. Per il partito di Aung San Suu Kyi la liberazione dei detenuti politici è una priorità. Ma Difesa e Interni restano nelle mani dei militari.

Yangon (AsiaNews) – In un Paese in festa per la vittoria – ormai scontata, anche se manca l’ufficializzazione – della Lega nazionale per la democrazia (Nld), resta ancora aperta una questione irrisolta ed essenziale per sancire una vera svolta democratica in Myanmar: la vicenda dei prigionieri politici birmani. Fra questi vi sono decine di studenti arrestati nei mesi scorsi per aver manifestato contro la riforma dell’istruzione voluta dal governo. La vicenda è tornata di attualità in queste ore, perché alcuni giovani che hanno promosso lo sciopero della fame contro la carcerazione si trovano in precarie condizioni. Uno di loro è stato ricoverato in ospedale, mentre di altri si ignora lo stato di salute perché le autorità del carcere impediscono le visite dei familiari.

Del resto la questione riguardante i prigionieri politici è una delle priorità in agenda per la Nld e la sua leader Aung San Suu Kyi, lei stessa costretta per anni agli arresti domiciliari. La loro liberazione è uno dei passi concreti da compiere nel solco del cammino di pace e di riconciliazione nazionale, anche se i critici ricordano che ministeri chiave come Interni e Difesa resteranno anche in futuro nelle mani dei militari.

Nel giugno 2013 il presidente uscente Thein Sein aveva assicurato la liberazione di tutti i detenuti politici entro la fine dell’anno; una promessa disattesa, tanto che alla fine di quell’anno vi erano almeno 30 prigionieri per reati di coscienza nelle carceri birmane. E il numero è andato aumentando: fonti di Assistance Association for Political Prisoners-Burma (Aapp) e Former Political Prisoners Society Myanmar (Fpp) affermano che, ad oggi, vi sono 112 prigionieri politici in cella (studenti, giornalisti, attivisti, politici, sindacalisti) e altri 470 a processo.

A destare particolare preoccupazione sono le condizioni di Phyo Dana, da nove giorni in sciopero della fame, ricoverato a causa di problemi gastrointestinali che hanno richiesto l’intervento immediato dei sanitari. Altri due studenti – Than Htike, affetto da asma, e Kyaw Zwa Lin, ematemesi – hanno interrotto la protesta per motivi di salute; il loro quadro clinico è fragile e le famiglie sono preoccupate. Non si conoscono, al momento, le condizioni di altri due giovani che hanno aderito allo sciopero della fame (Soe Hlaing e Si Thu Myat, nel carcere di Mandalay) perché le autorità impediscono ai familiari di incontrarli.

Tutti gli studenti sono in carcere per aver sostenuto, a vario titolo, la protesta lanciata dai giovani nel marzo scorso contro la riforma dell’Istruzione, che ha avuto come epicentro della lotta la cittadina centrale di Letpadan e represse con la forza dalla polizia birmana. Fatti che hanno guadagnato le prime pagine dei quotidiani internazionali e sollevato le proteste di molte cancellerie occidentali, facendo temere a lungo il ripetersi dei tragici fatti del settembre 2007, quando una protesta di monaci e giovani è stata repressa nel sangue dalle autorità.

Infine, uno dei tanti ex detenuti politici birmani oggi festeggia l’ingresso in nel Parlamento regionale di Yangon: si tratta di Nay Phone Latt, scrittore e attivista, che ha trascorso diversi anni in cella per aver difeso la libertà di pensiero e di parola. “Sono felicissimo – ha dichiarato il neo parlamentare – e sono anche conscio delle mie enormi responsabilità”.

Fonte: Asianews, 13 nov 15

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.