È morto il dissidente cinese e premio Nobel per la pace Liu Xiaobo

Dopo una vita passata entrando e uscendo dalle carceri cinesi per le sue idee, Liu Xiaobo – intellettuale, attivista democratico e premio Nobel per la pace è morto in un letto d’ospedale senza essere riuscito a ottenere la libertà. L’ultima volta che un premio Nobel per la pace moriva in catene era il 1938: il pacifista tedesco Carl von Ossietzky si spegneva per le conseguenze della tubercolosi e per gli abusi subiti nei campi di concentramento della Germania nazista mentre ancora nelle mani dalla Gestapo.

Alla fine di maggio, i medici cinesi avevano diagnosticato a Liu Xiaobo un tumore terminale al fegato e Pechino aveva permesso al premio Nobel di uscire dal carcere per curarsi. La condizione legale dell’attivista è rimasta però fino all’ultimo quella di persona «privata della libertà». La sua stanza al 23° piano dell’ospedale di Shenyang, nel nord-est della Cina, è stata in queste settimane sotto attenta sorveglianza della polizia cinese e senza poter ricevere visite ad eccezione dei familiari più stretti. P echino ha respinto tutti gli appelli giunti da Stati Uniti e dall’Unione Europea affinché l’attivista democratico fosse rilasciato «su basi umanitarie».

Il giorno di Natale del 2009, Liu Xiaobo era stato condannato a 11 anni di carcere con l’accusa di «incitamento alla sovversione dei poteri dello Stato». Il motivo? Essere stato tra i promotori di Charta ’08: un manifesto politico in cui centinaia di attivisti e accademici cinesi chiedevano a Pechino di garantire libertà, separazione dei poteri, democrazia e stato di diritto.


Fonte: La Stampa, 13 lug 17

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.