Mongolia- Cina, sindacalista si dà fuoco contro la vendita delle miniere alla Cina

“Il governo – ha detto prima del gesto l’uomo, non identificato – non sostiene più la nostra compagnia, le famiglie dei lavoratori sono oramai costrette a fare la fame. Ecco perché mi darò fuoco, per il popolo della Mongolia e per i nostri bambini”. Al momento il 90% delle esportazioni mongole finisce sul mercato cinese; inoltre, il 49% delle aziende operanti sul territorio nazionale è di proprietà cinese

Ulaan Baatar (AsiaNews/Agenzie) – Un sindacalista mongolo, impegnato per evitare la vendita dell’industria mineraria nazionale alla Cina, si è dato fuoco durante una conferenza stampa per protestare contro l’accordo. Prima del terribile gesto l’uomo, non identificato, ha detto: “Il governo non sostiene più la nostra compagnia, le famiglie dei lavoratori sono oramai costrette a fare la fame. Ecco perché mi darò fuoco, per il popolo della Mongolia e per i nostri bambini”.

Subito dopo, come dimostra un video che circola online, si è cosparso di liquido infiammabile e si è dato fuoco. Due uomini presenti hanno usato le proprie giacche per cercare di spegnere le fiamme, mentre alcuni giornalisti presenti si sono precipitati per cercare di aiutare il sindacalista. L’uomo è stato trasportato di corsa al Centro nazionale per i traumi e per la ricerca ortopedica, dove si trova in condizioni critiche. Ha riportato ustioni sul 40% del corpo.

La compagnia in oggetto è la Erdenes Tavan Tolgoi, che possiede 39 miniere di carbone nel Paese. Si tratta di una delle 10 compagnie energetiche statali, che stanno iniziando a vendere alla Cina per convincere gli investitori a puntare sulla propria economia. I sindacalisti mongoli temono che, una volta perfezionata la vendita, il tasso di disoccupazione interno si impennerà.

Dopo decenni di economia stagnante, basata più che altro sulla pastorizia e incentrata sulla sussistenza, il Paese ha deciso di sfruttare le riserve e le ricchezze del sottosuolo: carbone e terre rare sono divenuti merce di scambio pregiata.

Al momento, secondo Xinhua, il 90% delle esportazioni mongole finisce sul mercato cinese; inoltre, il 49% delle aziende operanti sul territorio nazionale è di proprietà cinese. Ecco perché, nonostante le rassicurazioni di Xi Jinping, una parte della popolazione inizia a temere l’egemonia politica e la penetrazione del Dragone.

Asia News,17/11/2015

English article,Asia News:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.