Il mondo sollecita la protezione di Liu Xia dopo la morte del marito Liu Xiaobo

Gli attivisti richiedono che alla cinquantaseienne, che vive sotto costante sorveglianza nella casa della coppia a Pechino, sia assicurato un lasciapassare sicuro fuori dalla Cina.

La comunità internazionale deve onorare il desiderio sul letto di morte del premio Nobel Liu Xiaobo, occupandosi immediatamente di proteggere la moglie, la poetessa Liu Xia, che ha sopportato anni di persecuzione da parte del governo, hanno detto amici e sostenitori.

Gli attivisti dicono che i servizi di sicurezza cinesi hanno reso la vita della cinquantaseienne un inferno in terra, da quando il marito incarcerato ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 2010, facendo infuriare i governanti dell’unico partito cinese

Liu Xia non è mai stata accusata, né tanto meno condannata per alcun crimine. A causa dell’attivismo del marito, è stata costretta a vivere sotto costante sorveglianza e in quasi totale isolamento nella loro casa di Pechino. La sua condizione fisica e psicologica si dice sia deteriorata drammaticamente in quest’ultimo periodo.

“Hanno trasformato la sua casa in una prigione”, in completa violazione della legge cinese, ha dichiarato Jerome Cohen, un’importante autorità nel sistema giudiziario della Cina e nei diritti umani.

La situazione di Liu Xia è così disperata che gli amici credono che la ragione principale per cui Liu Xiaobo volesse lasciare la Cina, non fosse per aumentare le sue possibilità di sopravvivenza, ma per risparmiare a lei ulteriori sofferenze.

Giovedì, dopo la morte di Liu, amici e sostenitori hanno invitato i governi occidentali a prendere posizione affinché le sia garantito di lasciare la Cina sana e salva

“Siamo molto preoccupati per Liu Xia”, ha detto l’autore e attivista Tienchi Martin-Liao, un amico di lunga data. “Se non riesce a lasciare il paese, non le resterà molto tempo. Dobbiamo fare qualcosa”.

Hu Jia, un altro attivista e amico, ha dichiarato: “Liu Xia ha subito un totale esaurimento fisico e mentale. Il padre è mancato l’anno scorso, seguito dalla madre. Ora ha appena perso l’amore della sua vita. Mio Dio: dev’essere la persona più affranta sulla terra”.

“Adesso dobbiamo abbracciare Liu Xia con tutta la nostra forza e dirle: ‘Non mollare. Non avere paura! Ti facciamo uscire!’ Dobbiamo combattere per la sua libertà”, ha aggiunto Hu.

Cohen, direttore di facoltà dell’Istituto di diritto asiatico e statunitense dell’Università di New York, ha invitato i governi stranieri a “mettere enorme pressione sui vertici cinesi affinché finalmente facciano un’azione umana. Le potenze mondiali dovrebbero preoccuparsi che le sia data la possibilità di lasciare la Cina. E se sceglie di rimanere in Cina, che siano eliminate le condizioni oppressive che ha subito negli ultimi sette anni”.

Nel suo discorso, il Segretario di Stato americano Rex Tillerson ha detto di aver pianto la “tragica morte” di Liu Xiaobo e ha chiesto la liberazione di Liu Xia. “Invito il governo cinese a liberare Liu Xia dagli arresti domiciliari e di permetterle di lasciare la Cina, secondo i suoi desideri”.

Maya Wang, attivista di Hong Kong per Human Rights Watch, anche ha esortato all’azione, avvertendo: “È probabile che il governo cinese continuerà a farla tacere dopo la morte di Liu Xiaobo, per impedirle di diventare simbolo di libertà e resistenza”.

Tuttavia, a pochi minuti dalla morte di Liu Xiaobo c’erano già segni che il partito comunista potrebbe tentare di far tacere Liu Xia. Mo Zhixu, attivista e scrittore cinese, ha dichiarato di non essere riuscito a contattarla o capire dove si trovasse in seguito alla morte del marito. “Sono estremamente preoccupato per la condizione di Liu Xia,” ha detto.

Gli attivisti hanno espresso rabbia e frustrazione di fronte alle flebili richieste internazionali di libertà per la coppia. In una dichiarazione, il comitato Nobel ha affermato che la maggior parte dei governi, alla notizia che Liu era malato di un cancro terminale, e voleva lasciare la Cina, aveva risposto “con silenzi e reazioni tardive ed esitanti”.

“È un fatto triste e inquietante che i rappresentanti del mondo libero, che considerano preziosi la democrazia e i diritti umani, sono meno disposti a sostenere questi stessi diritti a vantaggio degli altri”, ha affermato.

Wang, di Human Rights Watch, ha affermato che dopo un periodo di silenzio assordante, quei governi ora hanno bisogno di trovare la loro voce per garantire la sicurezza di Liu Xia. “Il modo migliore per onorare Liu Xiaobo sarebbe di fare pressioni sul governo cinese per la liberazione di Liu Xia”, ha concluso.

Traduzione di Andrea Sinnove, LRF Italia Onlus


Fonte: The Guardian, 14 luglio 2017

English Article: The Guardian, World urged to take steps to protect Liu Xia after death of husband Liu Xiaobo

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.