Il Milan venduto ai cinesi, con l’Evergrande ci sono altri colossi.

La cordata è decisamente più consistente e non riguarda singoli, ma gruppi finanziari diversi, uniti al colosso immobiliare.  Berlusconi è convinto, lunedì la firma del preliminare.

L’Evergrande Real Estate Group Ltd c’è, e rappresenta un colosso immobiliare cinese che parteciperà all’acquisto dell’A.C. Milan di Silvio Berlusconi. Facciamo ulteriore chiarezza.Comparteciperà. Non è l’unico. Perché a quanto ci è risultato nelle ultime ore sono almeno cinque o sei i potentissimi gruppi finanziari cinesi che stanno comprando il Milan. Tra cui l’Evergrande Group, proprietario al 50% assieme a Jack Ma e alla sua Alibaba SportsGroup (che detiene l’altro 50%) del Guangzhou Fc, la squadra allenata in passato da Lippi che ha vinto tutto in Cina.

L’affare, insomma, prende proporzioni più delineate e la cordata di gruppi finanziari, tutti cinesi, che si nasconde dietro l’advisor italoamericano Sal Galatioto con la sua GSP è ben più ampia ed economicamente potente di quello che si poteva immaginare. Non solo l’Evergrande dunque, ma altri quattro o cinque potentissimi colossi economici dell’estremo Oriente: che hanno gli assets più disparati. Si occupano cioè dei principali settori strategici che muovono l’economia cinese: internet, ecommerce online ed offline, real estate, holding finanziarie, compravendita immobiliare etc… Un impero. Cinese.

BERLUSCONI HA DETTO SI’

BERLUSCONI VENDERA’ – Doveroso prologo a quanto abbiamo scritto e anticipato nei giorni scorsi sul corrieredellosport.it. Chiarita meglio la composizione della parte acquirente, passiamo a quella cedente: Berlusconi, la sua Fininvestproprietaria del 99,9% delle azioni del’A.C. Milan e quello 0,99 dipiccoli azionisti che ieri nel corso dell’assemblea dei soci ha manifestato tutto il suo disagio invitando a più riprese la maggioranza a concretizzare eventuali trattative in corso e l’ad Galliani a fare un passo indietro. Berlusconi venderà (salvo ripensamenti dell’ultimo minuto) per tutta una serie di buoni motivi:

1) perché l’offerta, tra i 700 e i720 milioni (meno i debiti) è di quelle difficili da rifiutare; 2)perché i 5 o 6 gruppi finanziari cinesi offrono ampie garanzie economiche; 3) perché gli stessi hanno garantito a Fininvest e allo stesso Cavaliere un piano di rilancio del marchio A.C. Milan con operazioni tecniche (vedil’acquisto di nuovi giocatori sul mercato) e di merchandising(promozione del Milan in estremo Oriente attraverso politiche promozionali mirate); 4) perché la situazione societaria, con bilanci in rosso e malumore serpeggiante tra i tifosi dopo l’ennesimo campionato non all’altezza, sta toccando forse uno dei punti più bassi della recente storia rossonera; 5) last but not least perché la spinta dal basso da parte dei figli di Berlusconi, Marina e Piersilviosu tutti, sprona il patron rossonero alla cessione.

LUNEDI’ LA FIRMA

I TERMINI DELL’OPERAZIONE –Anche questi svelati in esclusiva dal corrieredellosport.it.Cessione immediata ai cinesi del 70% delle azioni del Milan, il restante 30% nel giro di un anno, come detto a 720 milioni circa.Accordo tra le parti praticamente raggiunto nel momento in cui Berlusconi ha sciolto le sue riserve efirma prevista il prossimo lunedì (probabilmente a borse chiuse), in un luogo top secret, tra la Fininvest e alcuni rappresentanti della cordata cinese con la GSP di Galatioto ad intermediare.

A firma avvenuta, nuova fase di due diligence per il controllo delle rispettive parti economiche e scadenza fissata probabilmente nel mese di giugno per la firma vera e propria per il passaggio di consegne della maggioranza.

QUI PECHINO: EVERGRANDE COMPRA IL MILAN

IL PIANO XI JINPING – Perché i cinesi? Perché il calcio in Cina è ormai un affare di stato. Che il presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping vuole trasformare in un business interplanetario: riforma della Federcalcio cinese, allentamento delle restrizioni governative su società e gruppi sportivi, maggiore libertà di investire ed esportare capitali all’estero. Un affare, di stato, da quasi8mila miliardi di dollari: si quantifica in questa cifra monstre la somma dei capitali investiti dai gruppi finanziari cinesi nelle azioni di imprese in qualche modo collegate al calcio e allo sport in generale. Obiettivo, far crescere in maniera esponenziale il business legato al mondo del pallone e portare i Mondiali del 2030 o del 2034 in Cina. Berlusconi permettendo, affare fatto.

VIDEOBERLUSCONI DICE SI’  AI CINESI

Corriere dello Sport.it,29/04/2016

 

 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.