Migliaia di operai e numerosi imprenditori hanno protestato a Bruxelles contro la concorrenza sleale cinese

Migliaia di operai del settore dell’acciaio hanno manifestato a Bruxelles denunciando la concorrenza sleale dell’industria cinese, che minaccia migliaia di posti di lavoro in tutta Europa. I manifestanti non vogliono sia riconosciuto lo status di economia di mercato alla Cina.

Spiega Andreas Goss del gruppo Thyssenkrupp:

“La Cina ha una capacità di sovrapproduzione tale che puo’ rifornire gli Stati Uniti, l’Unione europea e la Russia e altri paesi. Hanno una tale produzione che vendono sottocosto”

Bruxelles ha aperto tre inchieste anti-dumping contro la Cina, misure sollecitate da sette paesi tra cui l’Italia, che temono il collasso del settore, come sottolinea l’ex commissario all’industria AntonioTajani, oggi eurodeputato:

“Dobbiamo rispettare le stesse regole. E’ importante giocare 11 contro 11 e non 9 contro 13 in Cina. Dobbiamo rispettare le stesse regole e ritardare il riconoscimento di economia di mercato”.

Sandor Zsiros, euronews:

“Il Presidente della Commissione europea in persona ha accettato di ricevere i rappresentati sindacali, un segno di quanto questa protesta sia importante per l’esecutivo europeo. Non succede spesso qui a Bruxelles”

Euronews.com,16/02/2016

English article,Daily MailEU steel workers protest against cheap Chinese imports

Articoli correlati:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.