MASANJIA, Cina — Il grido d’aiuto in fogli di carta.

Il grido d’aiuto, dei fogli di carta ordinatamente piegati e inseriti all’interno di un pacchetto di decorazioni di Halloween venduto a Kmart, ha viaggiato 5.000 km dalla Cina per giungere nelle mani della Sig.ra Julie Keith .

Per gentile concessione Julie Keith (nella foto).

Questa lettera è stata scritta con mano tremolante ( vedi foto) e l’autore asserisce che fu imprigionato nel un campo di lavoro di Masanjia nella Cina nord-orientale e che detenuti sono costretti a lavorare per sette giorni alla settimana per 15 ore al giorno perseguitati dalle guardie sadiche.

Julie Keith appena aver preso visione del contenuto testo fu assalita da ansia e agitazione. La vicenda si è svolta lo scorso Ottobre. In particolar modo dopo aver letto questo appello:
“Sir: se occasionalmente avete acquistato questo prodotto, si prega gentilmente di far pervenire questa lettera all’organizzazione mondiale dei diritto umani, lo scrittore continua: … “migliaia persone qui sono sotto la persecuzione del partito comunista cinese saranno ringraziare e ricordare per sempre. “..e saranno eternamente grati e ricorderanno sempre.

La lettera descrive il sistema di offuscamento sia delle notizie da parte dei media e sia con quali modalità si svolge la “rieducazione attraverso il lavoro” nei campi di lavoro sparsi in tutta la Cina per mano del PCC. Sono un insieme di colonie penali dove piccoli criminali, delinquenti, religiosi e i critici del governo possono essere rinchiusi e condannati fino quattro anni dalla polizia cinese senza processo.

L’identità dello scrittore è rimasto un mistero; potrebbe trattarsi di un falso detenuto o di un attivista creativo che sta tentando di attirare l’attenzione sul problema o qualche forma di speculazione.
Il mese scorso, però, durante un’intervista riguardante campi di lavoro della Cina, un 47enne ex detenuto presso il campo Masanjia affermò che egli fu l’autore della lettera.

L’uomo, un residente di Pechino e aderente del Falun Gong ( la pratica spirituale considerata illegale in Cina) , ha detto che era una delle 20 lettere che scrisse segretamente nel corso dei due anni di prigionia . Ha nascosto gli scritti all’interno dei prodotti , le cui confezioni erano in lingua inglese e destinati per l’Occidente.

L’intervistato continua….:”Per lungo tempo ho sperato che alcune di queste lettere venissero scoperte all’estero, ma con il trascorrere del tempo le speranze sono venute meno e me ne sono dimenticato. L’uomo ha chiesto che la sua identità non venisse svelata per timore di ritorsioni nei suoi confronti ma ha dato il consenso a pubblicare solo il suo cognome: Zhang .
Egli conosceva bene le pratiche del campo in questione, confermato da altri detenuti, e descriveva come altri prigionieri hanno intrapreso iniziative analoghe nei rispettivi settori del lavoro a loro assegnato.

La sua grafia e la modesta conoscenza della lingua inglese abbinate alla lettera rendono verosimile le spiegazioni di Mr Zhang sulle origini della lettera.

Una cosa è certa che questa impresa rappresenta una delle iniziative più riuscite da un seguace del movimento Falun Gong, che è noto per i suoi tentativi di alto profilo per mettere in imbarazzo il governo cinese dopo essere stato etichettato come un culto illegale nel 1999.

Spinti da un dibattito pubblico insolitamente aperto in Cina che ha rotto il silenzio nei confronti della rieducazione attraverso il lavoro mettendo in discussione il suo futuro, decine di ex detenuti si sono fatti avanti per raccontare le loro dolorose storie. Dalle interviste effettuate a dozzine di persone che furono imprigionata a Masanjia e altri campi di tutto il paese, è emerso un elenco di orribili abusi e torture , tra cui frequenti percosse, giorni di privazione del sonno e prigionieri incatenate in posizioni dolorose per tutto il fine settimana e cosi via
Molti ex detenuti, hanno raccontato la morte di prigionieri che si sono suicidati o che sono deceduti causa malattie non curate dai funzionari del carcere .

“A volte le guardie mi trascinavano con violenza per i capelli e mi torturavano con dei manganelli elettrici lungo tutta la mia pelle per così tanto tempo che l’odore di bruciato di carne riempiva la stanza,” racconta Chen Shenchun, 55enne. Gli è stata data una condanna a due anni per aver rifiutato di rinunciare a una campagna finalizzata al recupero di salari non pagati dal suo lavoro di contabile presso una fabbrica statale.

Secondo ex detenuti, circa la metà della popolazione di Masanjia è composto da praticanti del Falun Gong , membri di chiese sotterranee, da comuni cittadini che hanno fatto richieste di un risarcimento per le ingiustizie subite e che erano diventate motivo di imbarazzo per i funzionari delle città da dove provenivano i richiedenti , da tossico-dipendenti , da prostitute.

Traduzione cura di Gianni Taeshin Da Valle


The New York Times, 11 Giugno 2013.

Per leggere di più ( English Version): http://www.nytimes.com/2013/06/12/world/asia/man-details-risks-in-exposing-chinas-forced-labor.html?_r=0

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.