L’UE non è d’accordo sullo status economico della Cina

Gran Bretagna, Paesi Bassi, Finlandia, Svezia e Danimarca sostengono la concessione alla Cina dello status di paese con una economia di mercato, la Germania interviene con delle clausole, mentre l’Italia è categoricamente contraria.

Tra i paesi dell’Unione Europea non c’è una posizione alla questione della concessione alla Cina dello status di paese con una economia di mercato. Lo ha comunicato il giornale on-line di Bruxelles Euobserver.

“Gran Bretagna, Paesi Bassi, Finlandia, Svezia e Danimarca sostengono la concessione alla Cinalo status del paese con una economia di mercato”, ha scritto la testata.

Secondo i suoi dati, la Germania esprime il suo appoggio solo ad alcune condizioni. L’Italia si oppone contro la concessione di questo status alla Cina.

Il dibattito riguardante tale questione è stato tenuto mercoledi dall’Eurocommissione, ma non è stata presa alcuna decisione. Proprio per la proposta dell’Eurocommissione ai paesi dell’UE e all’Europarlamento urge adottare una decisione più adeguata.

La Cina come paese con una economia di mercato è stata riconosciuta da Russia, Brasile, Svizzera, Australia e Nuova Zelanda.

Nell’Unione Europea consederano che la concessione di questo status alla Cina, che è membro del WTO, complica l’introduzione della tassa anti-dumping per la merce cinese. In più, l’Europa può perdere fino a 3,5 milioni di posti di lavoro, ma questo semplifica l’accesso al mercato cinese.


Fonte: Sputniknews.com, 14 gen 16

English article: 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.