Libertà religiosa in Cina: battesimi in aumento

Segnali di speranza per la libertà religiosa in Cina, 40% in più i battesimi registrati quest’anno

In Cina il numero dei battesimi è in netto aumento. Lo rivela il quotidiano cattolico cinese Xinde (La Fede), citato da “Eglises d’Asie” e ripreso da Zenit, secondo cui dall’inizio dell’anno nel Paese sono state battezzate nella fede cattolica ben 22.308 persone, con un aumento del 40% rispetto all’anno precedente. Un calcolo che si rivela tuttavia parziale giacché raccoglie solo i dati di una porzione delle diocesi presenti nel Paese. Inoltre – riferisce ancor la Fides – le cifre comunicate da alcune diocesi sarebbero incomplete riportando solo i battesimi celebrati nelle parrocchie dei grandi centri urbani. Cresce il numero dei cattolici in particolare nella regione del Sichuan, colpita nel maggio 2008 da un grave sisma. Secondo padre Peter Wu Xianliang, della diocesi di Chengdu – dove quest’anno con 390 battezzati il numero dei cattolici è raddoppiato – la gente che ha vissuto la prova del terremoto sperimenta una maggiore necessità di sostegno spirituale e religioso. Nella vicina Diocesi di Chongqing, anch’essa duramente colpita dal sisma, a Pasqua sono stati celebrati 1.400 battesimi, il triplo rispetto allo scorso anno. (C.D.L.)

Radio Vataicana, 6 maggio 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.