Categoria: Libertà di stampa e di espressione

Università del Guangzhou proibisce ai professori di criticare il Partito

La prestigiosa università di Sun Yat-sen ha emesso 10 divieti per i docenti per “migliorare la qualità dell’insegnamento”. I primi tre divieti sono “criticare la costituzione”, “criticare il Partito” e “diffondere religione e superstizione”.

Professore cinese licenziato per aver criticato online Mao Zedong

Il “Presidente” accusato di aver provocato la morte di milioni si persone. A decine si sono radunati attorno all’università per protestare contro il professore. Il comitato universitario del Partito: “Affermazioni false”.

“Abbiamo testimoni; abbiamo fede”: il nuovo anno degli avvocati cinesi per i diritti uman

A causa di una demolizione forzata, il giovane Fan Huapei (范华培), del Zhengzhou ha ucciso tre persone prima di essere ferito a morte. Questo è il livello di disperazione provato da chi è stato all’università. La polizia lo ha ucciso nonostante potesse catturarlo vivo. Al suo funerale, le altre vittime che sono state ferite e umiliate nello stesso modo hanno avuto rispetto per lui. Questo dovrebbe far riflettere.

Wukan: condannati 9 abitanti per “proteste illegali” [video rivolta 2011]

Nel 2011 il villaggio aveva ispirato molte rivolte degli abitanti contro la corruzione dei segretari del Partito che vendevano le loro terre intascando i guadagni. Le condanne sono un tentativo di soffocare questo “esempio” di democrazia.

Xi Jinping fa pulizia anche a Hong Kong

Li Lingpu, Epoch Times | 26/12/2016
Una fonte vicina agli ambienti politici cinesi ha rivelato che l’attuale leader del Partito Comunista Cinese, Xi Jinping, sarebbe il responsabile della situazione che ha sconvolto Hong Kong.

CHRD denuncia la “persecuzione” dell’attivista Chen Yunfei

Arrestato il 25 marzo per aver organizzato una commemorazione delle vittime del massacro di Tienanmen. L’organizzazione di tutela dei diritti umani afferma che l’attivista, imprigionato per aver esercitato il suo diritto alla libertà di espressione, va rilasciato subito.

Attivista cinese “torturato” nei centri di detenzione.

Wu Gan, attivista arrestato e conosciuto come “The Butcher” (Il macellaio), è stato vittima di torture durante la sua permanenza al centro di detenzione di Tianjin.