Categoria: Libertà di stampa e di espressione

Gao Zhisheng e la coscienza della Cina

Storia dell’avvocato «eroe del partito comunista» che decise di difendere la libertà religiosa e divenne prigioniero politico. Dodici anni di arresti, torture e privazioni pur di rimanere «un essere umano».

CINA: trattenuto l’avvocato che aveva denunciato le torture su Xie Yang.

L’avvocato cinese per i diritti umani Chen Jiangang, che ha aiutato il suo cliente e collega, l’avvocato Xie Yang, a denunciare le torture subite, è stato arrestato dalla polizia cinese lo scorso venerdì.

HONG KONG – CINA: Victoria Park – si al raduno pro-Pechino, no alla marcia annuale della democrazia

La Hong Kong Celebrations Association ha prenotato lo spazio per l’intera giornata. Di solito l’occupava solo al mattino. “Si vuole far tacere le voci di dissenso”. La “pulizia” in preparazione alla visita di Xi Jinping.

La moglie dell’avvocato Xie Yang cerca asilo politico negli Stati Uniti, dopo rocambolesca fuga.

Chen Guiqiu è scappata dalla Cina con le due figlie a piedi, ed è finita in una prigione tailandese, fino a quando alcuni ufficiali statunitensi l’hanno aiutata a fuggire da una porta sul retro, come nei film.

CINA: lo show per le ‘confessioni farsa’ anche per Xie Yang

L’avvocato per i diritti umani afferma di aver subito “lavaggio del cervello” da un gruppo di avvocati cristiani a Hong Kong e Corea del Sud. Nega di aver subito torture. Il suo avvocato, Chen Jiangang, che aveva diffuso le sue dichiarazioni sulle torture subite ora è sotto il controllo della polizia.

Cina: nuove restrizioni per stampa e news online

Ieri l’annuncio di un progetto finalizzato alla pubblicazione di un’enciclopedia online di stato, commissionata, filtrata e controllata dall’occhio vigile del governo centrale. Oggi la conferma di nuove restrizionistabilite dalle autorità e che saranno introdotte a breve, andando a impattare l’attività di chi si occupa di pubblicare le news. Tanti saluti alla libertà d’informazione in Cina.

Cina al 176imo posto nell’indice mondiale della libertà di stampa.

Secondo quando riportato dall’osservatorio internazionale sulla libertà di stampa Reporters sans frontièrs (Giornalisti senza frontiere), la Cina risulta essere il paese con la maggior censura, mantenendosi agli ultimi posti della classifica, occupando il 176imo su 180; agli ultimissimi Siria, Turkmenistan, Eritrea e Corea del Nord.