Categoria: Libertà di stampa e di espressione

Avvocati per i diritti umani torturati per strappare loro “confessioni

Fra i circa 300 avvocati fermati o arrestati il 50% sono cristiani cattolici o protestanti. Battiture, scariche elettriche, minacce, divieto di bere per convincerli di aver “cospirato contro la sicurezza dello Stato”. Minacciate anche le mogli degli avvocati.

24 gennaio 2017: “Giornata mondiale degli avvocati perseguitati. Riflettori accesi sulla Cina

Anche Venezia assieme ad altre 30 città nel mondo aderisce all’iniziativa con con Amnesty International Italia, per non dimenticare la “Matanza de Atocha” del 1977

Pechino rafforza il Great Firewall, illegali le reti internet private

A partire da ieri, le connessioni private avranno bisogno dell’approvazione del governo per poter accedere a internet. Ad oggi il Paese conta più di 730milioni di utenti.

Rapporto di Human Rights Watch: situazione dei diritti umani molto peggiorata sotto Xi Jinping

Il gruppo per i diritti, l’Human Rights Watch (How), con sede a New York, nel suo ultimo rapporto denuncia che la situazione dei diritti umani, la libertà di espressione e di religione in Cina rimane  ‘disastrosa’ sotto il presidente Xi Jinping e che nel Tibet viene sistematicamente vietata la  libertà di parola, di riunione e di movimento.

Membro del Partito critica il “culto” di Mao: licenziato

Zuo Chunhe, vicedirettore dell’Ufficio per la cultura e le comunicazioni di Shijiazhuang, ha chiamato Mao “un diavolo”. È colpevole di “considerazioni errate” e di violazione della disciplina del Partito. A nessuno è permesso di studiare i punti critici della storia di Mao e del Partito.

Drogato e schizofrenico: i frutti della prigionia e della tortura per Li Chunfu, avvocato per i diritti umani

In prigione era costretto a prendere ogni giorno delle medicine “contro l’alta pressione” (che non ha mai avuto). Ha vissuto lunghi periodi chiuso in una stretta gabbia di ferro. La testimonianza della cognata Wang Qiaoling e il grazie della moglie Bi Liping: “Leviamoci, denunciamo i crimini della polizia di Tianjin. Esponiamoli alla luce del sole!”. La rivista “China Change” domanda un’inchiesta internazionale sugli abusi contro gli avvocati per i diritti umani (molti di essi sono cristiani).

Turbe mentali e fisiche per l’avvocato Li Chunfu dopo 18 mesi di prigionia

Aveva difeso 200 minatori dell’Hebei e alcuni membri della Falun Gong. Suo fratello, avvocato cristiano, ha difeso membri delle chiese domestiche e dissidenti politici. La polizia deve averlo minacciato di riportarlo in prigione se diffonde notizie sulla sua situazione e se incontra altri avvocati per i diritti umani o le loro mogli, che si stanno battendo per la loro liberazione. “China change” chiede un’inchiesta internazionale sulle torture e violenze subite.