l’attivista Gao Zhisheng incarcerato e sottoposto a torture psicologiche

Pechino – In accordo con una fonte riservata, il Regime comunista cinese, ha rapito Gao Zhisheng, avvocato e attivista dei diritti umani, sua moglie e il suo piccolo figlio qualche mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Pechino 2008. Da allora, sono stati trasferiti e imprigionati in una localita riservata in Daxing, a sud di Pechino, dove sono soggetti a forti pressioni psicologiche.

Vai alla notizia su DossierTibet

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.