Categoria: Laogai

Napoli: gli studenti incontrano il mondo del carcere e parlano dei laogai

Gli studenti dell’Istituto Tecnico Statale di Napoli “Galileo Ferraris” incontrano il mondo del carcere, una interessante iniziativa promossa dal laboratorio diocesano a cui hanno aderito una quindicina di insegnanti di religione. Ogni docente di scuole diverse ha focalizzato l’attenzione su un tema. Il Prof. Evaristo Cicatiello insegnante di religione all’Istituto “Galileo Ferraris” fa parte del laboratorio diocesano e i suoi studenti hanno elaborato il tema riguardante i laogai. Il Direttore della Laogai Research Fondation Italia Onlus Gianni Taeshin Da Valle ha fornito  alcune risposte agli studenti  e molte informazioni sono state ricavate dal sito della fondazione.

Coldiretti/Eurispes: molti prodotti arrivano da situazioni di sfruttamento e illegalità come i Laogai

Dal riso vietnamita alle conserve cinesi, lavoro forzato, minorile e insalubre, come i Laogai.

Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall’ortofrutta sudamericana a quella africana in vendita nei supermercati italiani fino ai fiori del Kenya, quasi un prodotto agroalimentare su cinque che arriva in Italia dall’estero non rispetta le normative in materia di tutela dei lavoratori  a partire da quella sul caporalato  vigenti nel nostro Paese.

CINA-Gansu: praticante di Lanzhou subisce ritorsioni per aver citato in giudizio Jiang Zemin

La signora Zhao Li di 36 anni è stata recentemente arrestata per aver presentato una querela contro l’ex dittatore cinese Jiang Zemin.

CINA-Heilongjiang: la dura prova di una donna di Qiqihar nel campo di lavoro

La praticante del Falun Gong di Qiqihar Zhang Jiqui, a seguito del suo arresto avvenuto il 20 marzo 2006, è stata condannata a nove anni di detenzione. I dettagli della dura prova cui è stata sottoposta dopo l’arresto sono stati riportati soltanto nel 2015. In precedenza era stata detenuta per più di un anno in un campo di lavoro a causa della sua fede.

Nell’azienda-lager gestita da cinesi a Perugia: senza contratto, senza orari, costretti a vivere nel magazzino come “polli in gabbia”.

Non pagano tasse, non rispettano le regole e il benessere dei loro lavoratori – spesso clandestini e rigorosamente assunti in nero – in questa maniera battono la concorrenza del made in Italy potendosi permettere prezzi dopati al ribasso.

Traffico illegale di organi…ancora “molto silenzio”.[video]

Il 7 e l’8 febbraio si è tenuto in Vaticano un summit sul traffico internazionale di organi, indetto dalla Pontificia Accademia delle Scienze. Monsignor Sorondo, cancelliere dell’Accademia, in apertura ha sottolineato che «il traffico di organi e il “turismo dei trapianti” sono un crimine contro l’umanità». Alla due giorni in Vaticano hanno partecipato rappresentanti di quasi tutti i Paesi del mondo, concordi sul fatto che intorno all’argomento ci sia ancora «molto silenzio». Troppo.

Traffico di organi: i medici contro la Cina

Vincenzo Cassano , Epoch Times | 6/02/2017

Il 7 e 8 febbraio, la Pontificia Accademia delle Scienze del Vaticano ospiterà un vertice internazionale sul tema del traffico illegale di organi umani, con lo scopo di creare una collaborazione fra le nazioni per combattere questo crimine, che normalmente colpisce le fasce povere e indifese della popolazione.