Laboratori-lager gestiti da cinesi, sequestri e denunce a Napoli

Napoli  –   Sette opifici clandestini gestiti da cinesi, nei quali loro connazionali lavoravano, mangiavano e dormivano in condizioni che gli investigatori hanno definito «disumane», sono stati scoperti e sequestrati dai Carabinieri in un’operazione contro il lavoro sommerso e l’inquinamento nei comuni dell’hinterland vesuviano, nel Napoletano.

I titolari degli opifici, in tutto 17 persone di cui 15 di nazionalità cinese – si apprende dagli stessi Carabinieri – sono stati denunciati. I reati ipotizzati, a vario titolo, nei riguardi dei titolari degli opifici denunciati in stato di libertà sono violazione delle norme sulla sicurezza e igiene dei luoghi di lavoro, sulla regolarità contrattuale, nonchè sullo smaltimento di scarti di lavorazioni tessili.

L’operazione è stata condotta dai Carabinieri del Gruppo di Torre Annunziata (Napoli) e del Gruppo per la Tutela del Lavoro di Napoli e ha portato al controllo di numerose attività produttive e commerciali, soprattutto di piccole dimensioni.

Sono state contestate un centinaio di violazioni a norme penali penali (per un importo complessivo che supera i 500mila euro) e circa 50 sanzioni amministrative. Sono stati inoltre sequestrati una pasticceria un ristorante di fortuna abusivi, oltre a una rivendita di occhiali irregolare.

Il Secolo XIX, 05/12/2014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.