‘La Nord Corea è l’inferno’ dice un rifugiato; ecco cosa facevano ai detenuti

I detenuti erano usati come ‘sacchi da box’, ecco il terribile racconto di un rifugiato politico.

Dopo il racconto della donna yazida, ridotta in schiavitù dall’ISIS [VIDEO] (Islamic State of Iraq and Syria), è stata diffusa in rete la storia di Choi Kwanghyuk, un uomo nordcoreano di 55 anni, che è stato perseguitato dal regime di Kim Jong-Un. Andiamo a scoprire che cosa ha dovuto patire l’uomo e apprendiamo come sia riuscito a scappare dalla #Corea del nord, un paese che attualmente è stato pesantemente sanzionato dalle Nazioni Unite (UN), per non aver rispettato le richieste di porre fine ai propri test balistici, che hanno perfino cambiato la conformazione geofisica del territorio di Punggye-ri [VIDEO]. Andiamo a vedere nel dettaglio la notizia.

Campi di concentramento

Choi Kwanghyuk era ricercato dal governo nordcoreano, reo di aver professato la fede cristiana. Kwanghyuk ha raccontato a Fox News che lui e i suoi compagni non potevano “alzare la voce durante un servizio religioso oppure cantare durante una celebrazione”, poiché li avrebbero potuti sentire. L’uomo ha affermato che faceva parte di un gruppo cristiano clandestino, a cui avevano aderito circa 9 persone, che non potevano predicare il cristianesimo poiché, se fossero stati scoperti, sarebbero stati condannati a morte. Nel 2008 Choi fu scoperto ed arrestato. Fu torturato brutalmente ma non confessò mai di essere cristiano.

Il Campo 22

Choi Kwanghyuk doveva essere trasferito al Campo 22, un campo di concentramento dove i detenuti sono costretti ai lavori forzati ed eventualmente torturati.

 L’uomo racconta che le persone sono lasciate “in vasche che li coprono d’acqua fino ai nasi per 24 ore”, oppure sono “appesi a testa in giù mentre vengono picchiati”. Kwanghyuk ha raccontato che nel Campo 22 lasciano quasi morire di fame i prigionieri, le razioni sono talmente piccole e prive di proteine, che i detenuti spesso cacciano ratti e rane per supplire alle mancanze del rancio. Altre volte, invece, i prigionieri cercano nello sterco degli animali i semi non digeriti, per cibarsene. I detenuti sono spesso usati anche come sacchi da box, per far allenare i militari nelle arti marziali. A quel punto Choi decise di scappare verso la Cina, poiché aveva paura di essere condannato a morte e di mettere in pericolo la vita degli altri cristiani che facevano parte del suo gruppo. Fortunatamente Choi è riuscito a scappare ed ottenere il visto nel 2013 per trasferirsi in America, a Los Angeles. L’uomo afferma che “la Nord Corea è l’inferno mentre l’America è il paradiso”. Inoltre, Pyongyang ha minacciato d [VIDEO]i distruggere i suoi nemici. [VIDEO] Non ci resta adesso nient’altro se non aspettare nuove notizie.
Blastingnews,27 ottobre 2017
English article,The Sun:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.