La Cina è la più grande prigione di giornalisti al mondo.[Video]

La denuncia arriva da Reporters sans frontières, la Repubblica popolare detiene 52 giornalisti, al secondo posto la Turchia (43).

PECHINO – La Cina «resta la più grande prigione di giornalisti al mondo e perfeziona anche il suo arsenale di misure per reprimere giornalisti e blogger»: è quanto si legge nell’ultimo rapporto di Reporters sans frontières (Rsf).

«Il regime di Pechino – prosegue – non applica più la pena di morte contro gli oppositori, ma lascia consapevolmente che la loro salute si degradi in prigione fino a che muoiano».

Rsf ricorda come quest’anno il Premio Nobel per la pace, Liu Xiaobo, nonché il blogger Yang Tongyan, entrambi prigionieri condannati a lunghe pene, siano stati «scoperti con un cancro terminale e siano morti in poco tempo dopo il loro ricovero in ospedale».

«La comunità internazionale – avverte – teme ormai per la vita del fondatore del sito di informazione 64 Tianwang, Huang Qi, premio Rsf 2004, detenuto in un carcere di Mianyang dove è vittima di violenze, di rifiuto di cure e pressioni affinché ammetta la sua colpevolezza».

In Cina sono quest’anno 52 i giornalisti detenuti. Gli altri quattro grandi “Paesi-prigione” dei giornalisti sono Turchia (43), Siria (24), Iran (23), Vietnam (19).

Raddoppiato il numero delle giornaliste uccise – Raddoppiato il numero di giornaliste uccise nell’esercizio della loro professione: secondo l’ultimo rapporto di Reporters sans frontières (Rsf), le giornaliste uccise nel 2017 sono state 10, contro le 5 dello scorso anno.

Gran parte di esse, prosegue l’organismo, «avevano in comune di essere giornaliste d’inchiesta esperte e combattive, dalla scrittura pungente. Nonostante le minacce, continuavano ad indagare e a svelare casi di corruzione e altre vicende riguardanti autorità politiche o gruppi mafiosi. Hanno pagato con la vita le loro inchieste».

Tra queste, Rsf ricorda l’assassinio, il 16 ottobre a Malta, di Daphne Caruana Galizia, che ha causato un’ondata di shock in tutto il Paese e al livello internazionale, ma anche Gauri Lankesh (crivellata di colpi a Bangalore, in India) e Miroslava Breach Velducea, uccisa in Messico.

Ticinonline,19 di.2017

Video Reporters sans frontières:

English article, HongKongfp:

China is ‘the world’s biggest prison for journalists’, says media watchdog Reporters Without Borders

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.