La Cina accusa l’inviato per i diritti delle Nazioni Unite di ‘intromettersi’ nella sua magistratura

Ginevra (Reuters) – La Cina ha accusato un inviato delle Nazioni Unite per i diritti umani di aver oltrepassato le competenze del mandato e di aver interferito con la ‘sovranità giudiziaria’ cinese, sollevando il caso di un noto attivista, incarcerato dopo che lo aveva incontrato.


Philip Alston, inviato speciale dell’ONU per l’estrema povertà e i diritti umani, è andato in missione ufficiale in Cina lo scorso agosto e, nella sua relazione per un dibattito di due giorni presso l’Altro Commissariato delle Nazioni Unite, ha incluso una richiesta di rilascio dell’avvocato Jiang Tianyong.

Il diplomatico cinese Jiang Yingfeng al forum di Ginevra ha dichiarato che la relazione di Alston è “obiettiva e giusta”, ma lo ha anche rimproverato.

“L’inviato speciale ha fatto riferimento ad alcuni avvocati difensori dei diritti umani nella sua relazione e, in tal modo, ha superato il limite del suo mandato e si è intromesso nella sovranità giudiziaria cinese”, ha sostenuto Jiang.

Il governo cinese non tollera che persone o gruppi “usino la bandiera dei diritti umani” per coprire le proprie attività, ha aggiunto.

Alston ha elogiato la Cina per il suo “straordinario successo” di aver salvato dalla povertà nelle campagne oltre 700 milioni di persone negli ultimi trenta anni, ma ha anche affermato che la disuguaglianza è “forte e in crescita”.

Ha anche criticato “la rapida riduzione dello spazio per esprimere opinioni diverse da quelle del partito (comunista)” e ha fatto un “appello speciale al governo per rilasciare l’avvocato per i diritti umani Jiang Tianyong, incontrato a Pechino”.

Le autorità cinesi martedì hanno formalmente accusato Jiang di sovversione del potere statale, dopo averlo tenuto segretamente prigioniero per sei mesi.

Alston, professore di diritto internazionale australiano, ha giudicato l’accusa “estremamente grave” e “l’equivalente di una mazzata legale”.

Jiang ha difeso dissidenti di alto profilo e praticanti del Falun Gong, movimento spirituale vietato, prima di essere radiato nel 2009. Ha continuato a opporsi alle azioni di governo contro gli avvocati per i diritti umani, prima di scomparire lo scorso novembre.

Alston ha dichiarato: “Ovviamente ritengo non esista qualcosa, definita come sovranità giudiziaria, che non permette a un inviato speciale o a questo Consiglio di riflettere su casi che pare violino i diritti umani, sembrano ingiusti, pur essendo parte di un processo della magistratura”.

Gli attivisti hanno criticato, e ritenuto un’occasione mancata, il fatto che i rappresentanti della Francia, dell’Unione europea e degli Stati Uniti nei loro commenti non abbiano fatto riferimento alla critica di Alston nei confronti della Cina.

“Sono governi che dichiarano di interessarsi profondamente alla questione dei diritti umani in Cina e questo è un luogo in cui sollevare tali preoccupazioni”, ha detto a Reuters durante il dibattito Sophie Richardson, direttore per la Cina dell’organizzazione Human Rights Watch di New York.

“Stanno sabotando se stessi, i meccanismi dei diritti umani dell’ONU, e la società civile indipendente cinese che sta cercando di utilizzare queste istituzioni per risolvere i problemi”, ha proseguito.

In un discorso, la Federazione Internazionale per i Diritti Umani (FIDH) ha invitato i 47 Stati membri del Consiglio a chiedere la sua liberazione, dicendo che la Cina ha intensificato il suo “accanimento” sulla società civile indipendente, di cui fa parte Jiang Tianyong.

Business Insider UK, 8 giugno 2017

Traduzione Andrea Sinnove, LRF Italia Onlus

English article, BI:  China accuses UN rights envoy of ‘meddling’ in its judiciary

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.