Categoria: Istituzioni nazionali e Internazionali

Gli analisti: Il presidente cinese potrebbe scegliere uno stile di leadership da “uomo forte”

Lunedì alcuni analisti hanno dichiarato che il presidente cinese Xi Jinping potrebbe prepararsi ad abolire il sistema di leadership collettiva e ritornare alla politica dell’uomo forte del passato, durante il grande congresso politico di quest’anno.

La Cina vuole chiudere la premiata scuola per i ciechi a Lhasa

Sabriye Tenberkenda ha dichiarato che funzionari del governo cinese hanno notificato alle autorità che la premiata scuola per i non vedenti nella città occupata di Lhasa, sarà chiusa.

Cina, la propaganda invade i cinema del Paese: gli spot prima del film

La Repubblica popolare cinese guidata da Xi Jinping trasmetterà, prima di ogni lungometraggio, dei video che magnificano la potenza e i valori del Paese. La durata è di circa tre minuti appena, ma l’intento è chiaro e lineare: celebrare la Cina in tutta la sua potenza. Questa è la ‘sorpresa’ che hanno avuto gli spettatori, a partire dal primo luglio, che hanno frequentato le sale cinematografiche del Paese: prima di ogni film, infatti, il governo ha deciso di proiettare uno spot di propaganda.

Famiglia cinese legata e imbavagliata per demolirne la casa

La famiglia aveva rifiutato l’indennizzo offerto dalle autorità locali per la sua casa. Gli sgomberi e le demolizioni forzati sono un problema persistente in Cina, soprattutto nelle sue vaste aree rurali, dopo decenni di rapido sviluppo e urbanizzazione. I proprietari che si rifiutano di uscire di casa sono stati picchiati e persino uccisi, rendendo la questione una delle cause più comuni di tensioni e disordini sociali.

Cina, la tradizione che giustifica le violenze sulle damigelle durante le nozze

In Cina, secondo un’antica tradizione, i testimoni “disturbano” le nozze con scherzi, ora l’usanza viene usata come scusa per molestare sessualmente le damigelle.

Dalla Cina a Facebook, prove di controllo totale

Il “credito sociale” di Pechino è il più ambizioso progetto di controllo digitale mai operato. Ma le strategie delle Big della Silicon Valley vanno nella stessa direzione.

Trapelata email indirizzata allo staff taiwanese che mostra come alla compagnia aerea sia stato ordinato da Pechino di seguire la politica “Unica Cina”

La compagnia aerea Emirates si è inserita in un ginepraio diplomatico vecchio di decenni, dopo che ha ordinato all’equipaggio di cabina taiwanese di rimpiazzare la bandiera sul tesserino indossato sulle loro uniformi con quella cinese, innescando rabbia e campagne di boicottaggio sui social media.