Categoria: In evidenza

CINA – Il dissidente Liu Xiaobo esce dalla prigione: è malato di cancro terminale al fegato

Gli è stato concesso di curarsi fuori del carcere. Non cercherà trattamenti medici all’estero. Nel 2009 era stato condannato a 11 anni per “sovversione contro lo Stato”: aveva compilato il manifesto di Carta ’08. Mentre era in prigione, nel 2010 gli è stato assegnato il Premio Nobel per la pace.

L’altra Cina, una sistematica violazione dei diritti umani. Conferenza della Laogai Research Foundation [video]

L’altra Cina: violazione dei diritti umani, in memoria di Harry Wu” è stato il tema della conferenza stampa svoltasi il 22 giugno 2017 mattina presso la Camera dei deputati nell’ambito della giornata organizzata dalla Laogai Research Foundation Italia (LRFI) in memoria del dissidente cinese Harry Wu, morto un anno fa in circostanze misteriose e ricordato da Toni Brandi, presidente di ProVita Onlus e fondatore della LRFI, con un invito ai presenti a osservare un minuto di silenzio.

Popolazione – L’ombra della politica del figlio unico sull’Africa

Il mese scorso, si è tenuta a Nairobi, in Kenya, la prima Conferenza annuale Africa-Cina sulla demografia, la popolazione e lo sviluppo. L’evento è stato organizzato congiuntamente dal governo cinese, dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) e dal governo del Kenya. L’UNFPA 30 anni fa ha cominciato a collaborare con la dittatura di Pechino. Ha aiutato la Cina ad organizzare la crudele e sanguinosa politica del figlio unico, che pur essendo stata modificata in “politica dei due figli” non ha perso il suo carattere disumano e coercitivo: comunque in Cina per fare i figli, anche il primo figlio, bisogna chiedere il permesso al Governo, a pena di sanzioni inimmaginabili.

La Cina accusa l’inviato per i diritti delle Nazioni Unite di ‘intromettersi’ nella sua magistratura

Ginevra (Reuters) – La Cina ha accusato un inviato delle Nazioni Unite per i diritti umani di aver oltrepassato le competenze del mandato e di aver interferito con la ‘sovranità giudiziaria’ cinese, sollevando il caso di un noto attivista, incarcerato dopo che lo aveva incontrato.

CINA-Guangxi: Luo Jibiao, 50 anni, muore in prigione sotto le torture

Era stato arrestato un mese prima per rissa. I familiari hanno scattato foto al corpo senza vita e pieno di lividi e sangue. I tentativi di insabbiamento con false autopsie. Dopo la denuncia, il villaggio di Luo è controllato da uomini armati e gli avvocati della famiglia hanno perso il lavoro.

La Cina spinge per tagliare i posti per i diritti umani presso le Nazioni Unite

E contemporaneamente gli Stati Uniti vogliono tagliare i fondi alle missioni di pace

Di Louis Charbonneau -Direttore delle Nazioni Unite United Nations Director

Dentro Huaxi, il misterioso villaggio più ricco della Cina

A marzo è morto il fondatore di Huaxi, “il villaggio più ricco della Cina”. Ma la sonnolenta comunità contadina che lui ha contribuito a far diventare una utopia comunista si sente più vitale che mai.