Imperialismo militare: La Cina manda una ex nave da guerra a pattugliare le Isole Spratly

Pechino, Cina – Una nave cinese da 4.450 tonnellate naviga da ieri presso le Isole Paracel (in cinese: Xisha), nel Mar Cinese Meridionale, dopo che la scorsa settimana una nuova legge filippina ha dichiarato la sovranità di Manila sulle stesse. Queste isole sono contese anche da Vietnam e Taiwan, mentre le vicine Isole Spratly sono rivendicate da Cina, Filippine, Vietnam, Taiwan, Malaysia e Brunei, che desiderano sfruttarne i ricchi giacimenti sottomarini di petrolio e minerali.

Fonti ufficiali cinesi dicono che la nave China Yuzheng 311, già nave militare e ora tra le più potenti imbarcazioni di controllo, è partita già da una settimana e vuole solo “proteggere i pescherecci cinesi… nel territorio marittimo cinese”. Si ignora se la nave cinese sia armata.

La zona, oltre ad avere ricchi giacimenti d’energia, è anche tra le più battute dalle rotte commerciali.

Pechino ha definito “illegale e invalida” la nuova legge filippina che dichiara la sovranità sulle Isole Paracel. A sua volta il premier malaysiano Abdullah Badawi il 5 marzo ha visitato Danwan Reef, nelle Isole Spratly, rivendicandone la sovranità.

Nel 2002 la Cina e i Paesi dell’Associazione delle Nazioni del sudest asiatico hanno siglato un accordo che rifiuta il confronto militare e impegna alla ricerca di una soluzione pacifica per il Mar Cinese Meridionale. Ora il ministero filippino degli Esteri ha sollecitato “tutte le parti” firmatarie ad ottemperare a tali impegni.

Ma esperti notano che nella zona è in atto un progressivo confronto tra gli Stati interessati, i cui possibili sviluppi sono imprevedibili.

fonte: AsiaNews, 16 marzo 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.