I leader cinesi ammettono per la prima volta la grave crisi economica

La Conferenza su questioni economiche e del lavoro ha evidenziato la mancanza di soluzioni immediate. Promessi sussidi e sgravi fiscali per aumentare redditi e consumi, ma senza indicazioni concrete. Esperti: occorrono una strategia di lungo termine e riforme strutturali.

 I leader cinesi intendono attuare “pronte politiche fiscali insieme a politiche monetarie moderate”. E’ quanto emerge dalla Conferenza Centrale Economica e del Lavoro dei leader cinesi, che hanno riaffermato la ferma volontà di combattere la crisi, ma anche evidenziato che mancano soluzioni sicure e immediate.I membri del Comitato permanente del Partito comunista, insieme ad alti esponenti politici e militari ed esperti, dall’8 al 10 dicembre a Pechino hanno esaminato un quadro inedito: a novembre le esportazioni sono scese del 2,2% rispetto al novembre 2007, per la prima volta dal giugno 2001, e gli esperti prevedono che diminuiranno ancora. Scese anche le importazioni del 17,9% rispetto all’anno prima, con una forte diminuzione della domanda interna e di molti prezzi: gli alimentari sono scesi del 5,9% a novembre, il maiale del 9,3% e il tessile del 2%. L’indice dei prezzi alla produzione è sceso del 2,4% a novembre, dopo anni di rapida crescita, e ora si prospetta il rischio deflazione. Il pericolo è che, oltre a diminuire prodotti e materie prime, renda non convenienti alcune produzioni con perdita di posti lavoro.

I leader hanno promesso di aumentare i redditi, espandere il consumo interno e ridistribuire la ricchezza tra le diverse regioni e tra residenti urbani e rurali, anche tramite una politica di imposizioni fiscali differenziate e sussidi. La priorità –dicono nel documento finale- è “mantenere stabile e relativamente veloce la crescita economica” e, con essa, salvaguardare l’occupazione: gli analisti ritengono che una crescita dell’8% sia sufficiente a creare 20 nuovi milioni di posti di lavoro annui.

Non ci sono indicazioni specifiche, ma esperti ritengono che non verrà meno il recente deprezzamento dello yuan (il maggior declino da 3 anni), inteso a favorire maggiori esportazioni, nonché ad attirare gli investimenti esteri che a novembre sono diminuiti del 36,52% rispetto a un anno prima.

Reazione negativa del mercato, che attendeva indicazioni precise: la borsa di Shanghai ha perso oggi il 2,2%.

L’esperto economico Ha Jiming commenta che per la prima volta “i leader vogliono avvertire la Nazione che c’è un fosco quadro economico”. “Appare difficile raggiungere questi obiettivi entro un anno o 2”.

Anche Tao Dong, economista capo del Credit Suisse a Hong Kong, ritiene che per affrontare la crisi “occorra una strategia di lungo termine”, ma anche “realizzare riforme strutturali”.

(Fonte AsiaNews)

 

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.