Hong Kong, niente carcere per i tre giovani leader della “Rivoluzione degli Ombrelli”

Due dei tre giovani, tra i leader della rivolta degli ombrelli, dovranno svolgere lavori di pubblica utilità

I tre sono stati riconosciuti colpevoli di aver promosso una manifestazione per la democrazia considerata illegale dal Governo

Le celle di Hong Kong non si apriranno per accogliere i tre leader studenteschi condannati lo scorso mese per aver guidato una delle manifestazioni per la democrazia che avevano portato alla cosiddetta “protesta degli ombrelli” del 2014. Rischiavano di dover trascorrere i prossimi due anni in carcere, ma lunedì mattina la giudice incaricata di stabilire la pena ha concluso diversamente poiché non hanno precedenti.

Due si sono visti imporre 80 e, rispettivamente, 120 ore di lavori di pubblica utilità. Al terzo, che aveva chiesto di essere esonerato dall’impiego di interesse generale perché impegnato in un progetto di studio all’estero, sono stati inflitti 3 mesi di detenzione sospesi condizionalmente.

I tre studenti, dopo la rivolta del 2014, hanno creato un nuovo partito ad Hong Kong (Demosisto) che rivendica l’autodeterminazione da Pechino per la regione cinese che gode di uno statuto di semi autonoma. Altri appartenenti al movimento militano invece per l’indipendenza.

RSI News,15 ago 2016

Articoli correlati:

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.