Guangdong: Casi di persecuzione nel Campo di lavoro forzato femminile

1.La signora Wang Xinyan, 30 anni, una praticante del Falun Gong della città di Shenzhen, provincia di Guangdong, fu condannata a tre anni di lavoro forzato. Subì l’alimentazione forzata da parte delle guardie dopo aver fatto uno sciopero della fame per protestare contro la persecuzione, e il suo termine fu prorogato senza ragione. Venne picchiata e subì anche abusi fisici, poiché continuò a fare gli esercizi. Quando gridò, “Falun Gong è buono”, fu spinta a terra e le fu coperta la bocca.

2.La signora Peng Chunxia, 30 anni, della città di Shenzhen, non fu rilasciata dopo aver scontato la pena di tre anni in un campo di lavoro forzato. Fu monitorata da quattro detenuti incaricati dalle guardie. Criminali detenuti le legarono le mani e i piedi, le tapparono la bocca, anche durante la notte. La picchiarono fino a quando il suo corpo si coprì di lividi. Questo successe quando gridò, “Falun Gong è buono” e quando fece gli esercizi. Le guardie la incatenarono, affermando che era diventata pazza e che la legarono al fine di proteggere gli altri prigionieri.

3.La signora Feng Liping, 30 anni, una praticante della città di Shenzhen, fu condannata ad un anno di lavoro forzato, periodo che fu prorogato di un mese perché aveva protestato per la persecuzione subita. Durante questo tempo, fu abusata fisicamente, sottoposta a privazione del sonno e diventò molto debole. Quando si ammalò, le guardie la accusarono di fingere di essere malata.

4.La signora Ye Wei, 40 anni, una praticante della città di Shenzhen Cit, fu condannata a tre anni di lavoro forzato, e il suo termine fu prorogato di due mesi perché aveva protestato per la persecuzione subita. Inoltre, per un mese, non le fu consentito di fare la doccia o andare in bagno, perché aveva rifiutato di seguire il regolamento del campo. La sua famiglia incontrò delle difficoltà quando cercò di farle visita. Fu segretamente trasferita ad un centro di lavaggio del cervello il giorno in cui fu scarcerata dal campo di lavoro forzato.

5.La signora Liu Qiu, 40 anni, una praticante della città di Zhuhai, fu condannata ad un anno e mezzo di lavoro forzato, e successivamente il suo termine fu prorogato di un mese. Era già stata detenuta nel campo di lavoro forzato, dove fu abusata fisicamente e sottoposta a privazione del sonno. Quando il detenuto che la controllava informò la guardia che la signora Liu era molto debole, la guardia rispose che l’ospedale si sarebbe occupato di lei e che non doveva preoccuparsi.

6.La signora Wang Xiaoyuan, 50 anni, è una praticante del distretto di Doumen, città di Zhuhai. Godeva di buona salute, ma quando fu rilasciata dopo 19 mesi trascorsi in un campo di lavoro forzato, doveva essere portata da tre persone. E’ stato riferito che le guardie la torturarono brutalmente. La picchiarono e la costrinsero a stare in una posizione fissa per lunghi periodi di tempo. Questo le causò la perdita della sua capacità di camminare e di prendersi cura di sè. Tuttavia, le autorità del campo non l’hanno ancora rilasciata nonostante la dichiarazione medica; anzi due detenuti sono stati designati di controllarla.

La signora He Xueping, 30 anni, un’altra praticante del distretto di Doumen, città di Zhuhai, la signora Hu Yating e la signora Liang Shiqiong della città di Zhaoqing, la signora Zeng Binlan della città di Zhongshan, e la signora Chen Yufang, 50 anni, della città di Meizhou, hanno subito simile persecuzione nel Campo di lavoro forzato femminile di Guangdong.

Guardie del Campo di lavoro forzato femminile della provincia di Guangdong:
Tang Xiangping, capo di una brigata.
Wang Yan, Chen Zifang, e Yang Weiyan, capi di unità.
Lian Shanshan, Song Yuanyuan, Wang Huan, Deng Qiudi, Liang Yuzhen, Tian Yali, Hou Shaoli, Dai Shanshan, Luo Xiaoling, Wei Pingheng, Li Lingyun, Liu Haiyan, Gu Yuhong, Xiao Hui, Deng Limin, Lin Dan, e He Sheng.
Detenuti criminali designati a monitorare i praticanti:
Bai Yu, Sun Shufeng (pseudonimo Sun Ping), Li Chunxia (della città di Zhanjiang), Li Haixia (della provincia di Anhui), Zhou Shaoxia, Ren Xiajuan, Chen Miao (della città di Zhaojiang), Li Xiaoyan, Chen Shufen (della città di Zhaojiang), Zhou Hui, Li Yanlan (della città di Shunde), He Lifang (della città di Shenzhen), Chen Xiaojun, e Xie Xinrong (della città di Zhanjiang).

Wang Yan, capo della Terza unità, area del campo n. 1, è responsabile della persecuzione dei praticanti. Una volta ha afferrato una praticante per i capelli e ha schiacciato la sua testa al suolo. Wang ha incitato i criminali ad essere violenti con i praticanti e ha torturato anche personalmente i praticanti. Li ha costretti a rimanere in posizioni fisse per lunghi periodi di tempo, li ha sottoposti a privazione del sonno e li hanno costretti a guardare programmi televisivi che diffamavano il Falun Gong.

Ogni praticante viene isolato in una stanza e sottoposto a violento lavaggio del cervello da parte di due o tre criminali. Ci sono sei unità nel Campo di lavoro forzato femminile della provincia di Guangdong, e la Terza unità è stata destinata alla persecuzione dei praticanti del Falun Gong.

Queste testimonianze sono prese da DossierTibet Visita il sito

Versione cinese clicca qui per la versione cinese

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.