Giornata internazionale contro la droga, la Cina esegue 8 condanne a morte

Otto persone sono state condannate a morte in Cina per ricordare la Giornata contro la droga, che lanciata dall’Onu, si celebra il 26 giugno.

Le esecuzioni sono avvenute ieri e avantieri nel sud della Cina; i condannati erano stati giudicati colpevoli di traffico e produzione di sostanze fra cui ketamina, eroina e metamfetamine. Sei condanne a morte sono state eseguite nel Fujian (a Putian e a Quanzhou); due a Chongqin.

La Giornata internazionale contro l’uso e il traffico di droga è stata lanciata dall’Onu nel 1988. La Cina usa questa giornata per mostrare la sua radicalità nel combattere il fenomeno con una serie di condanne a morte.

L’uso di droghe, molto comune in passato nel Paese, sembrava quasi sparito durante il periodo di Mao Zedong. Con la riapertura dei contatti con il resto del mondo e una nuova diffusione del benessere, la piaga della droga è ritornata.

Secondo dati ufficiali, i casi criminali di droga nel 2009 sono stati quasi 51 mila, con un incremento del 16,5% rispetto al 2008. Nel processi sono stati condannate 56 mila persone. Di queste, 17400 hanno ricevuto pene gravi: prigione fino a cinque anni o la pena capitale, con un aumento dell’8,8% rispetto all’anno precedente. La Cina continua a giustificare l’uso diffuso della pena capitale come deterrente contro il crimine, sebbene le statistiche le diano torto.

Fonte: Asia News, 24 giugno 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.