Firenze, la Cina chiama e la bandiera del Tibet scompare

Il consolato infastidito, la Mostra dell’Artigianato corre ai ripari ed evita l’incidente diplomatico.

Alla Fortezza da Basso si è consumata ieri la seconda gaffe in una manciata di giorni: prima le polemiche per la rappresentazione di «scene violente di guerra» di fronte all’installazione all’interno dell’area dedicata al Vietnam, Paese ospite di questa edizione, con alcuni manichini raffiguranti soldati americani morti. Polemiche affrontate e risolte con un cartello che avverte che tali scene potrebbero «turbare la sensibilità».

Ora tocca all’ennesimo caso Cina-Tibet, con i rappresentanti della Repubblica Popolare insofferenti all’esposizione della bandiera di un paese non riconosciuto a livello internazionale (nemmeno dall’Italia) ma che ha saputo attirare molte simpatie in tutto il mondo per la propria condizione di difficoltà dopo che l’occupazione militare degli anni Cinquanta li ha portati a vivere da mezzo secolo all’interno dei confini nazionali cinesi.

Gli stand, e di conseguenza le bandiere esposte, non rappresentano gli stati ma i territori, spiegano da Firenze Fiera. La mostra non è un contesto di politica internazionale ma un contesto economico. Per questo inizialmente era stata inserita anche la bandiera tibetana, conseguentemente allo stand. Ma dal punto di vista cinese la presenza del vessillo è stata interpretata come il riconoscimento da parte dell’azienda che organizza la Mostra dell’esistenza del paese Tibet, e non della realtà culturale territoriale e del suo artigianato.

Da questo «equivoco», specificano in Fortezza, è scaturito quello che sarebbe potuto diventare un piccolo incidente diplomatico. Sarebbe potuto ma alla fine non è successo, perché in Mostra hanno immediatamente ottemperato alle richieste cinesi, senza opporre argomenti contrari.

Corriere Fiorentino,28/04/2018

________________________________________________________________________________

Florence, China calls and the Tibet flag disappears: comment by – Chodup Tsering Lama

The dominance of The economical power of China in Italy and Europe saddens and irritates thousands of regular visitors of International Handicraft Fair in Florence. The fact is related to disappearance of Tibetan National Flag which stands among other flags for the last five days the very starting of the Fair. Yesterday, on 27th April, Chinese official from Embassy forced the organizer of the Trade Fair to take the flag off even after a strong resistance. The voice and demand of China wins in Europe without serious rejection and to save their face but inclined to bow and fall on the feet of China. Mr. Tamding for the last five years succeeded to organize TIBET area with success and TIBET flag hosted and in 2016 as guest of honor to promote Tibetan issue and present our Tibetan culture and Tradition but finally China prevailed over organizer and resistance of Tamding and several Italians.

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.