Droga nel cuore di Prato: Video scandalo. Prato un caso nazionale per la situazione delle aziende cinesi

Il servizio de Le Iene non è un fulmine a ciel sereno: per alcuni sarebbe un fatto ancora più grave.

Il Video di Mediaset trasmesso da Le Iene arriva dopo i numerosi articoli di cronaca prodotti negli ultimi anni dai maggiori quotidiani locali, ma sulla Tv nazionale risuona più forte ed è fonte di scandalo.
A novembre, lungo quelle stesse strade, l’accoglienza festosa per la visita di Papa Francesco. Era una città splendida, una cartolina magnifica, sembra passato un secolo.
Fratelli d’Italia in Regione Toscana chiede l’intervento di un commissario dopo aver proceduto a sciogliere il Consiglio comunale.

GUARDA IL VIDEO. Il filmato si apre con la Stazione di Porta al Serraglio ed è un susseguirsi di ‘colpi di scena’che hanno fatto sussultare i telespettatori in gran parte d’Italia, mentre l’imbarazzo è calato su quei pratesi ben consapevoli della cronaca locale che sui Social commentano oggi le immagini.

Il Tirreno il 25 luglio 2015 titola Droga e spaccio al Serraglio: Confcommercio dice basta”. Il 29 ottobre 2015è TV Prato a parlarneDroga al Serraglio, di nuovo in manette 4 spacciatori: uno di loro vendette la dose fatale ad un eroinomane”. Nel febbraio 2015 c’è anche Nove da Firenze che cita una indagine scientifica condotta da Comune e cooperative sociali intorno alla Stazione del Serraglio “Preoccupanti i numeri emersi dalla ricerca soprattutto per la droga: ogni giorno 150 tossicodipendenti in zona per acquistare o consumare sostanze“.

Giovanni Donzelli, capogruppo per Fratelli d’Italia in consiglio regionale: Organizzazioni criminali hanno in mano spaccio di droga e commercio illegale: la situazione di emergenza che si sta vivendo a Prato ci fa credere che ci siano tutti gli estremi per sciogliere il Consiglio comunale per mafia ed inviare il commissario prefettizio.
Così il capogruppo Giovanni Donzelli interviene alla luce del servizio mandato in onda dalla trasmissione “Le Iene”, che “è la goccia che fa traboccare il vaso in una situazione già drammatica, e che mette in luce per l’ennesima volta, fra spaccio di droga, commercio illegale, problemi di sicurezza, il fatto che in questa città le mafie hanno vita facile”.

“Prato è diventata la capitale dello spaccio di droga – sottolinea Donzelli – la situazione è precipitata da quando alla guida del Comune c’è il centrosinistra, periodo durante il quale la desertificazione del centro storico e lo smercio di sostanze illecite, oltre che mortali, sono andati di pari passo. A questo va ad aggiungersi la situazione di illegalità, sempre più grave, che rende Prato un caso nazionale per la situazione delle aziende cinesi, fra lavoro nero, condizioni di grave rischio, anche sanitario, e concorrenza sleale. Senza dimenticare le importanti catene commerciali poste sotto sequestro dalla magistratura perché in mano alle mafie. Uno spaccio di droga così diffuso non può che avere alle spalle importanti organizzazioni criminali – conclude Donzelli – per questo chiediamo da tempo che nella città vengano applicate le leggi antimafia, che riconoscano l’associazione a delinquere, e che si adottino nuove norme contro il riciclaggio di denaro nei confronti delle aziende irregolari cinesi”.

Nove da Firenze,02/02/2016

Video di Mediaset, trasmesso dalle Iene

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.