Dialoghi Cina-Usa: le restrizioni ai dissidenti da qui al 4 giugno

La polizia cinese ha accresciuto controlli, maltrattamenti e isolamento di attivisti e dissidenti mentre nella capitale si svolgevano gli incontri fra Stati Uniti e Cina sul dialogo strategico ed economico, terminati ieri.

Il controllo verso persone che potrebbero presentare petizioni, lanciare messaggi davanti ai media è quasi tradizionale in Cina, in occasione di visite di personalità internazionali. Gli attivisti sono preoccupati perché prevedono che il loro controllo durerà per lungo tempo: fra breve ci sarà una visita di membri del Parlamento europeo e poi ci sarà il 4 giugno, l’anniversario del massacro di piazza Tiananmen.

Al Chrd (Chinese Human Rights Defenders) sono giunte queste segnalazioni:

–  il 24 maggio scorso, l’avvocato per i diritti umani, Li Xiongbing, è stato “avvertito” dalla polizia di non lasciare la sua casa nei prossimi giorni. Attualmente è agli arresti domiciliari, “prendendo il tè” con personale della sicurezza che lo vigilano;

– Tang Jitian, un avvocato che ha perso la licenza per aver difeso poveri e attivisti, ha ricevuto “un invito” con minacce pesanti a recarsi dalla polizia;

–  Wanfg Debang, scrittore e attivista, ha ricevuto ieri una visita di poliziotti: lo hanno avvertito  che da oggi sarà portato “in viaggio” lontano dalla città;

–  Ieri telefono e internet sono stati tagliati alla casa dell’intellettuale Zhang Zuhua.

Fonte: AsiaNews, 26 maggio 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.