Delhi, 09 agosto 2008, Nuova Delhi, ore 12,30 (local time)

Il secondo gruppo di militanti della Tibetan Youth Congress, che ha preso il posto dei sei che nei giorni scorsi erano stati condotti a forza in ospedale, è arrivato al 4° giorno di sciopero della fame e della sete. Le loro condizioni cominciano ad aggravarsi. Ieri, sotto una torrenziale pioggia monsonica, c’è stata una manifestazione molto intensa e toccante seguita da sessione di preghiera e “candle vigil”. 150 tibetani sono stati arrestati dalla polizia indiana perché manifestavano davanti all’ambasciata cinese che è stata trasformata in un vero e proprio bunker, completamente circondata da filo spinato e presidiata da tantissimi poliziotti. Oggi tutti i tibetani donano il sangue in solidarietà con i tibetani in Tibet. Il poeta e attivista Tenzin Tsundue è ancora agli arresti nel carcere di Mandi, il suo avvocato spera di poterlo fare rilasciare nei primi giorni della prossima settimana.
Stefy (referente per il Veneto dell’Associazione Italia-Tibet www.italiatibet.org)
corrispondente da Nuova Delhi per il “Blog di Piero Verni” (www.olistica.tv); “Laogai Research Foundation Italia” (www.laogai.it); “giotibet” (www.giotibet.com)

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.