Dalla Cina attacchi informatici a Google

La Cina si e’ impegnata a punire i pirati informatici che hanno attaccato il sito web di Google, qualora fosse accertato che sono cinesi. Lo ha assicurato il viceministro dell’Industria e dell’Informatica Miao Wei che pero’ ha sottolineato come Pechino non abbia ancora ricevuto una denuncia formale dal colosso di Mountain View. “Se Google ha le prove che gli attacchi sono venuti dalla Cina, il governo cinese accogliera’ con piacere le informazioni e punira’ severamente i responsabili”, ha dichiarato all’agenzia Nuova Cina. A gennaio, Google aveva lamentato che gli account privati di alcuni suoi clienti cinesi, per lo piu’ dissidenti e attivisti per i diritti umani, avevano subito attacchi informatici partiti dalla Cina. Il piu’ importante motore di ricerca ha minacciato di chiudere le sue attivita’ in Cina se non sara’ garantita la sicurezza ai suoi clienti e la questione ha inasprito i rapporti tra Washington e Pechino, gia’ tesi per i contenziosi relativi al commercio, ai diritti umani, alle relazioni con Taiwan e alla situazione in Tibet. Intanto il ministro degli Esteri cinese, Yang Jiechim, ha chiesto agli Usa “passi credibili” per ricucire i rapporti. “Tra la fine del 2009 e l’inizio del 2010”, ha ricordato in una conferenza stampa, “si e’ prodotto un deterioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina per la vendita di armi a Taiwan e l’incontro di Barack Obama con il Dalai Lama, Pechino si oppone seriamente a queste azioni e ritiene che le difficolta’ nei rapporti attuali non siano da imputare alla Cina”.

Fonte: Agenzia Italia, 7 marzo 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.