Cosa si nasconde dietro la liberazione dei prigionieri in Cina?

Recentemente il regime cinese ha rilasciato migliaia di prigionieri dalle sue carceri, 31527. La notizia è stata divulgata dai media cinesi e riportata anche su quotidiani on line italiani come Radio Vaticana e Adnkronos. Questo grazie ad una amnistia concessa per commemorare la fine della seconda guerra mondiale.

I media cinesi hanno aggiunto che la maggior di loro sono detenuti che hanno commesso crimini quando avevano meno di 18 anni e sono stati condannati a meno di tre anni.

Ma cosa si cela dietro questo rilascio?

La cosa che ho notato immediatamente, analizzando le notizie, è che non danno alle carceri cinesi il loro vero nome: laogai.

E’ noto che i LAOGAI sono solo un particolare dell’attuale realtà cinese e della “educazione del terrore”coperta da “segreto di stato”, che, in Cina, si pratica.

La notizia è vera, confermata anche da nostri collaboratori esteri contattati da me stesso.

La Laogai Research Foundation ha valutato con ricerche nel Paese del Dragone che in queste carceri dai 3 ai 5 milioni di persone sono rinchiuse ancora oggi e che 1422 sono attivi in tutta la Cina. Chiaramente la consistenza della popolazione dei Laogai  è sottostimata  perché, come dicevo prima, questi campi sono  un “segreto di stato”.

E’ facile comprendere, con i dati  evidenziati, che il numero dei detenuti rilasciati è esiguo.

Quale è il vero motivo di questo rilascio?

Le prigioni sono sovraffollate, come sempre affermato dalla Laogai Research Foundation Italia ONLUS. Alcuni prigionieri compresi quelli politici sono troppo vecchi e non possono più lavorare per fabbricare i prodotti dei Laogai. Per questo motivo il PCC non vuole spendere del denaro per delle persone esclusivamente per sfamarle. Ma non è solo questo il motivo. Con l’amnistia il regime cinese ricorre alle buone o alle cattive maniere, secondo le circostanze, per piegare gli individui  alla propria volontà, come si fa con cavalli e somari. Ho volutamente utilizzato questa espressione del “bastone e della carota” che fu usata da Winston Churchill in due discorsi del 1943 per indicare la politica che intendeva seguire.

Il governo cinese tenta di accattivare i media e il consenso popolare.

Gianni Taeshin Da Valle, Laogai Research Foundation Italia ONLUS, 28/01/2016

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.