Controlli in capannoni cinesi a Scandicci, scoperti lavoratori in nero.

Firenze, 27 novembre 2014 – Trentuno lavoratori completamente “in nero”, un clandestino e 44 irregolari. E’ quanto emerso dai controlli di finanzieri, carabinieri, Direzione Territoriale del Lavoro, Asl, Inps, Inail, Nas e polizia municipale su tre capannoni a Scandicci dove operavano nove ditte, gestite tutte da cittadini cinesi, che confezionavano borse e accessori per l’abbigliamento.

Gli immobili erano stati suddivisi in diverse porzioni, ognuna occupata da una ditta. Sono stati identificati 75 lavoratori di origine cinese, di cui 31 completamente “in nero”, un clandestino e 44 irregolari.

La Direzione del lavoro ha emesso 6 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale e sono state contestate sanzioni amministrative per 141.900 euro.

Durante le ispezioni sono stati rinvenuti e sequestrati 573 articoli contraffatti: 106 cinture e 1 portafoglio riportanti il marchio “Gucci”; 250 pezzi di assemblaggio in pelle per cinture; 113 pezzi di minuteria metallica per assemblaggio delle cinture; 103 fibbie metalliche sempre con il logo “Gucci”per un valore complessivo di circa 7.000 euro.

La Nazione Firenze,27/11/2014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.