Xinjiang: uno studente muore (misteriosamente) in un “campo di rieducazione”

Secondo le autorità locali un ragazzo uiguro detenuto in un “campo di rieducazione” è deceduto la scorsa settimana per cause sconosciute nella prefettura di Kashgar (in cinese, Kashi), nello Xinjiang.


Una fonte ha riferito a RFA che gli agenti di polizia hanno consegnato il corpo del diciassettenne Yaqupjan Naman alla sua famiglia nella cittadina di Yekshenbe Bazar, nella contea Yopurgha (Yuepuhu). Il padre del ragazzo non è a conoscenza di quali siano state le cause che hanno causato la morte del figlio ed è stato costretto a seppellire il suo corpo sotto il controllo della polizia.

All’inizio del 2016, all’età di 15 anni, Naman visitò la Turchia come turista con i suoi amici contro i desideri del padre che si è recato in Turchia alcuni giorni dopo, nel tentativo di portalo a casa ed evitare di attirare l’attenzione delle autorità dello Xinjiang, che considerano tali viaggi alquanto sospetti e sono considerati quali segno di “estremismo” religioso.

Nonostante il rapido ritorno in Cina, la polizia ha inserito Naman in una lista nera e lo hanno arrestato subito dopo, mandandolo in uno dei tanti campi di rieducazione nello Xinjiang dove le autorità detengono gli uiguri accusati di nutrire “forti credenze religiose” e pensieri “politicamente scorretti”.

I familiari che chiedono informazioni di dove si trovano i propri cari detenuti e chiunque indaghi su altri membri della comunità che sono stati inviati in questi “campi per la rieducazione”, sono passibili di arresto per “nutrire ideologie sbagliate”. Lo scopo è quello di non far giungere informazioni al mondo esterno.

Un alto esponente del governo locale appartenente al Partito comunista cinese raggiunto telefonicamente ha dichiarato che non era a conoscenza del fatto e ha inoltrato la chiamata ad un ufficiale che ha preso nota dei nominativi della famiglia di Naman e della loro residenza.

Successivamente alla richiesta di RFA di avere spiegazioni sul decesso del ragazzo, un altro ufficiale rispose  “non lo sappiamo”. L’ufficiale, che ha anche rifiutato di fornire il suo nome, ha detto che il poliziotto responsabile del caso di Naman si chiama “Muradil”, aggiungendo che il giovane era morto “circa 10 giorni fa”, senza fornire ulteriori dettagli.

Alla domanda su quante persone fossero morte nei campi di rieducazione nell’ultimo mese, l’ufficiale ha detto che non lo sapeva.

 

Condizioni di vita nel campo di rieducazione

A gennaio, il progetto per i diritti umani degli Uiguri (UHRP) ha dichiarato di aver saputo della morte del famoso studioso islamico uiguro Muhammad Salih Hajim, in custodia della polizia cinese, circa 40 giorni dopo essere stato detenuto insieme ad altri parenti. Il motivo per i quali sono stati incarcerati in quel campo non è chiaro.

All’inizio di quel mese, alcune fonti hanno riferito a RFA che una campagna di arresti aveva portato a un grave sovraffollamento nei campi di rieducazione e che le autorità dello Xinjiang erano incuranti dello stato di salute dei detenuti uiguri, causando loro patologie che necessitavano di cure mediche.

Dal momento in cui il nuovo capo del partito dello Xinjiang si è insidiato, nell’agosto 2016, ha avviato misure repressive senza precedenti contro il popolo uiguro e le eliminazioni ideologiche. La Cina conduce regolarmente campagne “durissime” nello Xinjiang, tra cui incursioni della polizia nelle famiglie uigure, restrizioni alle pratiche islamiche e restrizioni alla cultura e alla lingua del popolo uiguro. Vengono sequestrati  video e altro materiale.

Mentre la Cina accusa alcuni uiguri di attacchi “terroristici”, analisti al di fuori della Cina denunciano  Pechino delle misure spropositate nei confronti di una eventuale minaccia da parte degli uiguri e che le politiche interne repressive sono responsabili di un’ondata di violenza che ha causato centinaia di morti dal 2009.

Traduzione Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte: RFA, 14/03/2018

English article: RFA, Uyghur Teenager Dies in Custody at Political Re-Education Camp

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.