Cina: uomo torturato a morte

Il signor Chen Min, 45 anni, era un dottore e lavorava presso la scuola di medicina tradizionale di Zhuzhou.
Aveva iniziato a praticare il Falun Gong nel 1998. È stato tra i primi praticanti ad essere perseguitati nella città di Zhuzhou dopo l’inizio della persecuzione, nel luglio 1999.

Negli ultimi nove anni di persecuzione è stato incarcerato quattro volte e condannato a un anno di lavori forzati nel 2002, nel campo di lavoro forzato Xinkaipu della città di Changsha. È stato rilasciato sulla parola dato che la sua vita era in pericolo a causa degli abusi subiti in prigionia. Comunque, prima che si fosse ristabilito completamente, venne arrestato nuovamente nel settembre 2002. Questa volta venne condannato a cinque anni di prigione.

Cinque anni di prigionia e le torture subite hanno duramente danneggiato il benessere mentale e fisico del signor Chen. Era emaciato, vomitava sangue e aveva sangue nelle feci. Non riusciva ad ingerire cibo dopo il suo rilascio, nel settembre 2007 e non riusciva a prendere cura di sé stesso. È morto nel giugno 2008.

(Fonte: DossierTibet, 13 Gennaio 2009)

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.