Cina. Tibetano condannato a morte per rivolte 2008

Il Tribunale Intermedio del Popolo di Lhasa, in Cina, ha condannato a morte il tibetano Sonam Tsering, 23 anni, con pena sospesa per due anni, in relazione alle rivolte in Tibet di due anni fa.

La notizia della condanna è stata diffusa dal Centro Tibetano per i Diritti Umani e la Democrazia, che ha sede in India, secondo cui Sonam, che è originario di Ganzi, è il settimo tibetano ad essere condannato a morte per le rivolte, inclusi due già giustiziati.

Per il governo di Pechino le dimostrazioni del 2008 fanno parte di una campagna violenta organizzata dal Dalai Lama e dai suoi sostenitori per cacciare le autorità cinesi dal Tibet e sabotare le Olimpiadi di Pechino dell’agosto di quell’anno.

Il Dalai Lama respinge queste accuse, sostenendo di puntare ad una significativa autonomia del Tibet sotto l’autorità di Pechino.

Fonte: Agenzia Radicale 1 giugno 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.