Cina: sale a 702 numero di vittime delle frane, 1.042 dispersi

Il numero di vittime delle devastanti frane nel nordovest della Cina è salito oggi a 702, con 1.042 persone disperse.

E’ quanto ha dichiarato un funzionario che si occupa dei soccorsi. Ieri, le autorità avevano fissato il bilancio dei decessi a 337, con 1.148 dispersi, dopo che un torrente di fango e acqua ha ingolfato la città di Zhouqu sabato notte. Il torrente ha sepolto almeno 300 piccole abitazioni, danneggiando altri palazzi a Zhouqu, nella zona della prefettura autonoma tibetana di Gannan, nella provincia di Gansu, circondata da alte colline. Le operazioni di soccorso proseguono e ieri un uomo tibetano è stato tratto in salvo dopo esser rimasto intrappolato fra i detriti per 50 ore. Al di sopra della zona del disastro, esperti di demolizioni e geologi lavorano freneticamente per prosciugare un lago che si è creato dietro ad un sbarramento costituito da terreno alluvionato. Poiché le previsioni indicano nuove piogge in settimana, il timore è che il bacino possa sfondare lo sbarramento instabile provocando una nuova marea di fango.

Fonte: Google News, 10 agosto 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.