Monaci buddisti arrestati per aver diffuso online notizie ritenute “illegali”

Due monaci tibetani sono stati arrestati dalle autorità cinesi per aver condiviso ciò che è stato considerato “contenuto illegale online”, nel monastero di Tsang a Ba Dzong, nella provincia del Qinghai.

Woechung Gyatso durante un seminario sulla sicurezza informatica, foto di TCHRD

TCHRD, gruppo per i diritti umani di Dharamshala, ha dichiarato che gli ufficiali dell’ufficio di sicurezza pubblica della contea di Gepasumdo hanno arrestato arbitrariamente Woechung Gyatso, del tempio di Tsang a Ba Dzong, insieme ad un monaco non identificato nella giornata del 16 aprile. Woechung Gyatso è ancora rinchiuso in una località segreta, mentre si ritiene che l’altro monaco sia stato rilasciato dopo un severo interrogatorio.

I due monaci sono stati arrestati dopo un seminario condotto dalle autorità cinesi sulla sicurezza informatica nel monastero a marzo. L’incontro, ha affermato il gruppo per i diritti umani, si è svolto sotto l’apparenza di un programma di “educazione legale” durante il quale a tutti i monaci sono state impartite istruzioni sulla nuova legge sulla sicurezza informatica e ha messo in guardia contro gravi conseguenze in caso di violazioni.

Una ricerca avviata durante il seminario ha portato diversi monaci, tra cui Woechung Gyatso, a scrivere lettere di confessione forzata contro la pubblicazione e la condivisione di contenuti illegali online.

Il gruppo per i diritti ha affermato che le leggi cinesi sulla cybersicurezza vengono utilizzate come uno strumento per sottoporre i tibetani ad accuse approssimative, negando loro il diritto di esprimersi online. La legge sulla cybersicurezza viola il diritto dell’individuo alla libertà di espressione, di pensiero e informazione.

TCHRD afferma che i tibetani sono soggetti a arresti arbitrari, detenzioni e torture per aver esercitato il loro diritto alla libertà di espressione su Internet.

Le autorità cinesi si avvalgono di accuse indistinte e confuse come “divulgazione dei segreti di stato” e “incitamento al separatismo”.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte: Phayul, 19/04/2018

English article, Phayul: Two monks detained by China for sharing “illegal contents” on WeChat

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.