Cina, migliaia di immigrati senza visto entrano nel sud del paese in cerca di lavoro

Migliaia di persone, in prevalenza, da Vietnam e Laos, entrano illegalmente in Cina in cerca di lavoro. Lo scrive oggi il quotidiano Global Times. L’afflusso degli immigrati illegali nelle regioni industriali della Cina meridionale sarebbe dunque cresciuto negli ultimi anni di pari passo alla crescita delle rivendicazioni degli operai cinesi, che negli ultimi due anni hanno ottenuto aumenti salariali che potrebbero mettere in difficoltà i settori industriali ad alta intensità di lavoro. L’anno scorso, secondo il quotidiano, nella sola provincia del Guanxi quasi cinquemila persone sono state bloccate dalla polizia alle frontiera, più di duemila sono state deportate perché senza visto di soggiorno e altrettante sono state arrestate per immigrazione illegale. Secondo il quotidiano Yangcheng Evening News, diffuso nel sud della Cina, “i vietnamiti sono considerati buoni lavoratori, obbedienti ed economicì e molte fabbriche li assumono chiudendo un occhio sulla loro condizione di illegalità”.

Fonte: Peace Reporter, 12 luglio 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.