Cina, maltempo devastante: almeno 86 morti e tanti disagi

Ondata di maltempo devastante in Cina, dove le basse temperature e le piogge torrenziali hanno fatto già almeno 86 morti e interessato oltre 8 milioni di persone.

Sedici i dispersi e 275 mila le persone evacuate in 10 province e municipalità dallo scorso 5 maggio, mentre si teme che i bilanci possano aumentare poiché nei prossimi giorni non é previsto un miglioramento meteorologico.

Secondo i meteorologi cinesi, questo tempo è inusuale per la stagione e nel prossimo fine settimana la parte meridionale del paese, già colpita dal maltempo, subirà pesanti piogge e temporali che aumenteranno il rischio di inondazioni. Un fronte di freddo interesserà invece il nord, portando nella Mongolia interna e in alcune zone della Cina occidentale le temperature intorno allo zero.

Molti i fiumi in piena che hanno reso impraticabili molte strade, distrutto almeno quattro ponti della provincia dello Hunan e isolato diverse città. Solo nella città di Xupu, nella provincia dello Shanxi, sono rimaste isolate 8 mila persone. Le risorse d’acqua, l’elettricità e le comunicazioni telefoniche risultano seriamente danneggiate a causa delle piogge e delle inondazioni. Molti i sottopassaggi e i binari allagati.

Secondo il governo locale, tali condizioni meteo non si registravano dal 1984. Dal 7 maggio scorso in tre volte, a Canton (Guangzhou), la capitale del Guangdond, è caduto più di un quarto della pioggia che normalmente cade in un anno.

Fonte: Blitz quotidiano, 18 maggio 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.