Cina: La Banca Mondiale taglia le previsioni sulla crescita

Washington, Usa – La Banca mondiale (Bm) ha ancora una volta ritoccato al ribasso le sue previsioni sulla crescita cinese nel 2009, fissandole a +6,5%. In precedenza aveva previsto una crescita del +7,5%. In ogni caso, la cifra è minore di quanto si aspetti la leadership di Pechino per prevenire tensioni sociali e disoccupazione.

Nel rapporto trimestrale pubblicato ieri, la Bm fa notare che “le esportazioni cinesi sono state toccate in profondità e ciò ha conseguenze negli investimenti e nell’impiego, soprattutto nel settore industriale”. Sebbene +6,5% sia una crescita considerevole per ogni Paese del mondo, essa è “molto più debole” delle potenzialità possedute dalla Cina. Secondo la Bm, “negli anni a venire”, il rallentamento dovrebbe portare a una diminuzione degli investimenti, un aumento della disoccupazione, uno scivolamento verso il basso dei prezzi e un rivolgimento delle esportazioni verso il mercato interno.

La Cina sta già sperimentando da mesi le conseguenze della crisi. A causa dell’abbassamento della domanda dall’estero, le esportazioni sono crollate e decine di migliaia di piccole e medie imprese sono state chiuse. Personalità del governo hanno previsto che entro il 2009 vi saranno almeno 50 milioni di disoccupati. In febbraio le esportazioni sono diminuite del 25% e gli investimenti stranieri diretti si sono ridotti del 15,8%.

All’Assemblea nazionale del popolo, svoltasi la scorsa settimana, il premier Wen Jiabao ha invece assicurato che la crescita del Paese quest’anno sarà dell’8%, pur riconoscendo che esso è un obbiettivo “difficile” da raggiungere. La soglia dell’8% è vista dagli studiosi come necessaria per garantire ricchezza e impiego sufficienti alla società. Per rilanciare l’economia, lo scorso novembre Pechino ha messo in atto un pacchetto di salvataggio per 4 mila miliardi di yuan (oltre 400 miliardi di euro.

Il timore della leadership è che con l’approfondirsi della crisi i problemi e gli scontri sociali divengano giganteschi. Già lo scorso anno, i cosiddetti “incidenti di massa” (scioperi, sit-in, manifestazioni, scontri con la polizia, feriti, uccisi), a causa del lavoro sono giunte alla cifra di 87 mila. Ma secondo la Bm, una profonda instabilità sociale è improbabile, nella misura in cui il governo cinese appronta una rete di ammortizzatori sociali.

“I fondamenti economici della Cina – afferma il rapporto – sono piuttosto solidi e possono permettere alle autorità di intraprendere delle politiche che porteranno i loro frutti anche oltre il 2009”.

fonte: AsiaNews, 18 marzo 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.